I Segreti dei Tatuaggi di Ötzi: Una Scoperta Rivoluzionaria

I Segreti dei Tatuaggi di Ötzi: Una Scoperta Rivoluzionaria
Le lame di ossidiana sono state utilizzate in alcuni degli esperimenti. (Aaron Deter-Wolf/Danny Riday/Exarc)

Un team di ricerca, composto da archeologi e un tatuatore professionista, ha finalmente svelato i segreti codificati sulla pelle di Ötzi, l’Uomo venuto dal ghiaccio. Considerato il cadavere preistorico più famoso al mondo, il corpo di Ötzi era ricoperto di tatuaggi, eppure fino ad ora gli scienziati non erano certi di come fossero stati realizzati i segni sulla pelle del vecchio.

Pensato per aver vissuto e morì circa 5.200 anni fa, Ötzi e i suoi tatuaggi forniscono l’unica solida evidenza di tatuaggi corporei durante l’Età del Rame europea. Tra le sue varie caratteristiche, l’Uomo venuto dal ghiaccio mostra alcuni dei tatuaggi più antichi conservati al mondo, composti da sessantuno segni di pigmento al carbonio sul suo addome, parte bassa della schiena, parte bassa delle gambe e polso sinistro, scrivono gli autori del nuovo studio.

Astratti e schematici nella natura, questi disegni consistono in diciannove gruppi di segni lineari paralleli o intersecanti, principalmente allineati all’asse lungo del corpo. Notati per la prima volta dai ricercatori poco dopo che Ötzi fu scoperto in un ghiacciaio in scioglimento nelle Alpi nel 1991, questi tatuaggi hanno suscitato numerose teorie, nessuna delle quali era stata corroborata fino ad ora.

Ad esempio, si è ampiamente supposto che i segni fossero stati realizzati utilizzando una tecnica di incisione, dove la pelle viene prima tagliata prima che il pigmento venga successivamente sfregato. Notando la mancanza di prove a supporto di questa ipotesi, l’archeologo Aaron Deter-Wolf della Divisione di Archeologia del Tennessee si è unito al tatuatore Danny Riday per analizzare i modelli di guarigione di quattro antiche tecniche di tatuaggio.

Durante questi esperimenti, Riday si è tatuato ripetutamente utilizzando otto strumenti diversi prima di confrontare i suoi nuovi tatuaggi con quelli sulla pelle di Ötzi. Tra questi test, un ago osseo a punta è stato utilizzato per il tatuaggio subdermico, la punta di una scheggia di ossidiana è stata utilizzata per il tatuaggio a puntura, e una scheggia di ossidiana separata è stata utilizzata per i tatuaggi incisi, scrivono gli autori dello studio.

Punte di rame e ossa a singolo punto sono state utilizzate per il tatuaggio a puntura a mano. Documentando le caratteristiche di ciascun tipo di tatuaggio mentre guarivano nei successivi sei mesi, il team ha notato che i tatuaggi creati con strumenti e tecniche diverse mostrano tratti fisici distintivi.

Ad esempio, i tatuaggi incisi mostrano margini fermi e chiari, e una coda distintiva all’una o all’altra estremità delle linee individuali. Contrariamente alla narrazione popolare, questi segni di incisione non corrispondevano alle proprietà dei tatuaggi di Ötzi. Invece, gli autori hanno scoperto che la struttura fisica dei tatuaggi dell’Uomo venuto dal ghiaccio, inclusi il puntinato, le larghezze delle linee, le estremità arrotondate e la diffusione del pigmento lungo i bordi, sono fortemente evocativi del tatuaggio a puntura utilizzando un attrezzo a mano a punta singola.

Tatuaggi di Riday Otzi
Un confronto dei tatuaggi di Riday (A-F) con quelli di Otzi (G).

Tra gli strumenti testati durante il nostro studio sperimentale, i segni di Ötzi si confrontano più favorevolmente con i tatuaggi creati utilizzando un attrezzo a punta di osso o di rame, scrivono.

Alla ricerca di ulteriore validazione per le loro scoperte nel record archeologico, i ricercatori spiegano che gli attrezzi a punta di rame sono tra gli artefatti più comunemente identificati di questo periodo nella storia europea, specialmente nella parte delle Alpi che Ötzi chiamava casa. Tradizionalmente, questi sono stati interpretati come strumenti per la lavorazione della pelle o del tessuto. Tuttavia, come dimostra il nuovo body art di Riday, questi antichi strumenti potrebbero anche essere stati utilizzati come aghi per tatuaggi preistorici.

Lo studio è pubblicato nella Rivista Europea di Archeologia.

L’articolo I Segreti dei Tatuaggi di Ötzi: Una Scoperta Rivoluzionaria sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top