I primi coloni inglesi nel Nord America mangiavano cani

I ricercatori hanno scoperto che i cani del Virginia Company Period a Jamestown, il primo insediamento inglese permanente nel Nord America, possedevano origini indigene e furono mangiati dai coloni.

Una nuova ricerca rivela che durante un periodo di fame a Jamestown, il primo insediamento inglese nel Nord America nel XVII secolo, venivano mangiati cani con origini indigene. Lo studio è stato pubblicato il 22 maggio su American Antiquity dalla Cambridge University Press per conto della Society for American Archaeology. Questa scoperta cambia la comprensione degli storici su come le comunità indigene negoziarono il loro rapporto con le potenze coloniali emergenti durante questo periodo. Suggerisce inoltre che i primi coloni europei dipendessero dalle comunità indigene locali per la loro stessa sopravvivenza, soprattutto durante il periodo di insediamento iniziale. I ricercatori hanno analizzato l’antico DNA mitocondriale dei cani archeologici di Jamestown del periodo 1609-1617 d.C. Almeno sei dei cani di Jamestown analizzati avevano prove inequivocabili di ascendenza nativa americana. Questi cani condividevano somiglianze mitogenomiche con i cani del periodo Hopewelliano, Mississippiano e Tardo Woodland del Nord America orientale. I ricercatori hanno anche scoperto che i sei cani erano stati consumati dai residenti di Jamestown. Questi risultati suggeriscono forze complesse in gioco prima, durante e dopo il periodo della fame, che hanno influenzato la presenza di questi cani nel Forte e hanno portato gli abitanti di Jamestown a consumare cani di origine indigena. Le analisi genetiche dei cani archeologici rivelano anche approfondimenti sul coinvolgimento sociale tra colonizzatori e comunità indigene. I cani collegavano e creavano tensione tra le culture europee e indigene, riflettendo i paesaggi sociali complicati e in rapida evoluzione che esistevano in questo periodo. La perdita dei cani indigeni è un aspetto sottoesplorato degli impatti coloniali nelle Americhe.

I primi coloni inglesi nel Nord America mangiavano cani

I tempi e il tasso di sostituzione dei cani indigeni hanno implicazioni anche per la comprensione dei cambiamenti ecologici e culturali nello stile di vita dei nativi americani derivanti dall’afflusso di cani europei. La ricercatrice capo Ariane E. Thomas, dottoranda presso l’ Università dell’Iowa , ha dichiarato: “L’ascendenza dei cani Jamestown fornisce informazioni sulla gestione europea e indigena dei loro cani. “I cani con origini prevalentemente europee suggeriscono che gli inglesi, i Powhatan o entrambi i gruppi hanno impedito ai loro cani di interagire tra loro per mantenere comportamenti specifici o fenotipi osservabili importanti per quel gruppo. Tuttavia, un’elevata percentuale di discendenza di cani indigeni suggerisce un impegno più complesso tra i popoli britannici e Powhatan a Jamestown e una minore enfasi sul mantenimento della separazione tra i cani e sulla loro associazione con i coloni. L’identificazione dei cani indigeni a Jamestown suggerisce che questa seconda dinamica, più complessa, è più rappresentativa della storia”.

L’articolo I primi coloni inglesi nel Nord America mangiavano cani sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top