I corvi possono contare ad “alta voce” fino a quattro, dimostra uno studio

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Science , le cornacchie nere ( Corvus corone ) possono controllare il numero di vocalizzazioni che producono, contando fino a quattro in risposta a segnali visivi e uditivi.

Le cornacchie nere, parenti europee dei corvi americani, sono note per la loro intelligenza. Gli scienziati hanno scoperto di poter riconoscere le voci umane e comprendere un modello linguistico un tempo ritenuto esclusivo degli esseri umani. Ora, questi uccelli intelligenti hanno dimostrato abilità matematiche: possono contare vocalmente fino a quattro, suggerisce una nuova ricerca. In uno studio pubblicato la scorsa settimana sulla rivista Science , un team di ricercatori ha scoperto che le cornacchie nere utilizzano un sistema di conteggio verbale per impegnarsi in una versione semplificata del “conteggio”. “Gli esseri umani non hanno il monopolio su abilità come il pensiero numerico, l’astrazione, la produzione di strumenti e la pianificazione futura”, dice a Scottie Andrew della CNN Heather Williams , una biologa del Williams College che non è stata coinvolta nello studio . “Nessuno dovrebbe sorprendersi del fatto che i corvi siano ‘intelligenti’.” In questa forma ridotta di “conteggio”, ciò che conta è il numero di vocalizzazioni (o gracchi). Se, ad esempio, tre album del gruppo rock Counting Crows fossero posti su un tavolo, un corvo potrebbe contarli dicendo “caw, caw, caw” – tre vocalizzazioni che corrispondono a tre album. I bambini piccoli attraversano questa fase di sviluppo prima di arrivare a comprendere il concetto astratto di cosa significhino veramente i numeri. Ad esempio, un bambino potrebbe contare i tre album come “uno, due, tre” o “uno, uno, uno” invece di dire automaticamente “tre”. Per capire se e come i corvi potessero comprendere questo modo basilare di contare, gli scienziati dell’Università di Tubinga in Germania hanno messo alla prova tre uccelli. Hanno addestrato il trio di corvi a gracchiare da una a quattro volte in risposta a una particolare registrazione audio riprodotta: un suono di frequenza corrispondeva a quattro gracchi, un rullo di tamburi a tre, un rumore di registratore di cassa a due e un accordo di chitarra a uno. . In un altro esperimento, hanno mostrato ai corvi uno schermo che mostrava il numero arabo del numero di gracchi (uno, due, tre o quattro) che dovevano vocalizzare. In entrambi gli esperimenti, dopo aver prodotto il numero previsto di vocalizzazioni, i corvi sono stati addestrati a toccare lo schermo per segnalare che avevano finito. Quando contavano correttamente, i corvi venivano ricompensati con un verme. Gli scienziati hanno scoperto che i corvi avevano ragione il più delle volte, soprattutto quando venivano invitati a produrre un numero inferiore di vocalizzazioni. Gli uccelli vantavano un tasso di precisione del 100% nel conteggio fino a uno, un tasso di successo di circa il 60% nel conteggio fino a due e un tasso di precisione di circa il 50% nel conteggio fino a tre. I corvi “detestavano” particolarmente il numero quattro (precisione del 40%), a volte rifiutandosi di gracchiare quando richiesto e beccando lo schermo per terminare immediatamente lo studio, dice la coautrice dello studio Diana Liao , fisiologa animale dell’Università di Tubinga. Virginia Morell della scienza . Inoltre, i corvi facevano una pausa prima di gracchiare correttamente, mostrando tempi di reazione più lunghi prima di produrre un numero maggiore di vocalizzazioni. Questa è la prova di risposte pre-pianificate, dice il team, ed è particolarmente interessante.

I corvi possono contare ad “alta voce” fino a quattro, dimostra uno studio

“Per me questa è la scoperta più importante”, dice a Science John Marzluff , un biologo della fauna selvatica dell’Università di Washington che non è stato coinvolto nello studio . “Il tempo di reazione più lungo suggerisce che gli uccelli dovevano pensare, organizzare e codificare il segnale elettrico dal cervello ai muscoli per chiamare. Il ritardo è coerente con la pianificazione mentale”. I risultati dello studio aggiungono ulteriori prove del fatto che alcune specie di uccelli possono comunicare informazioni numeriche. Ad esempio, uno studio del 2005 sulle cinciallegre dal cappuccio nero, uccelli chiamati per le loro vocalizzazioni “dee”, ha scoperto che gli animali cambiavano il numero di “dee” nelle loro chiamate di allarme in base alle dimensioni del predatore, con i predatori più piccoli che emettevano più suoni. Successivamente, gli autori vogliono scoprire come i corvi potrebbero utilizzare questa capacità di “contare” in natura e possibilmente identificare quali parti del cervello sono coinvolte in essa. Questa ricerca potrebbe aiutare a far luce sull’evoluzione di un’abilità che gli esseri umani e i corvi sembrano condividere. “La stirpe degli uccelli si è discostata da quella dei primati oltre 300 milioni di anni fa”, dice Liao a Lauren Leffer di Popular Science . “Abbiamo sviluppato architetture cerebrali radicalmente diverse. Sarebbe davvero interessante vedere come cervelli diversi sviluppano comportamenti simili”.

L’articolo I corvi possono contare ad “alta voce” fino a quattro, dimostra uno studio sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top