I cacciatori di fossili scoprono un dente di megalodonte nelle profondità marine

I cacciatori di fossili scoprono un dente di megalodonte nelle profondità marine

Avremo bisogno di un ROV più grande. (J Pollerspöck et al, Historical Biology 2023. CC BY-NC-ND 4.0)

I cacciatori di fossili che cercano i denti di antichi predatori marini consigliano di visitare la spiaggia. Sulla riva, ad esempio sulla Jurassic Coast nel Regno Unito, è possibile trovare denti che risalgono a milioni di anni fa, incluso il muso di un enorme mostro marino di 150 milioni di anni fa. Tuttavia, come ha recentemente scoperto un veicolo a controllo remoto (ROV), ci sono tesori da scoprire anche nelle profondità marine.

Durante una spedizione a bordo dell’Esplorazione Vessel (E/V) Nautilus, un team di ricercatori che utilizzava il ROV Hercules ha trovato un dente di megalodonte (Otodus megalodon) a una profondità di circa 3.090 metri all’interno del Pacific Remote Islands Marine National Monument. Il dente è stato filmato sul posto prima di essere raccolto tra alcuni noduli sul fondo del mare.

Il dente di megalodonte è conservato solo come corona triangolare, ma è sorprendentemente ben conservato, con i dettagli fini del suo bordo seghettato ancora visibili. Un bordo seghettato è utile per cacciare mammiferi marini come balene e delfini, poiché è un ottimo strumento da taglio.

Il dente è parzialmente ricoperto da una crosta di manganese, un elemento chimico che si sviluppa intorno ai fossili. I noduli di manganese sono di grande interesse per la rivoluzione delle batterie verdi, poiché alcune aziende ritengono che raccogliere questi noduli dalle pianure abissali potrebbe essere un modo meno dannoso per ottenere i metalli rari necessari. La maggior parte dei contratti di esplorazione per i noduli si trova nella zona di Clarion-Clipperton, che rappresenta meno dell’1% del fondale marino globale, ma è la più grande fonte di manganese, nichel e cobalto al mondo. Ci sono abbastanza metalli in due dei siti per soddisfare le esigenze di 280 milioni di automobili, che rappresentano tutte le auto in America, o un quarto del parco veicoli mondiale. Tuttavia, ci sono anche aspetti negativi legati a questa idea esplorativa.

Il dente è rimasto sul fondo marino per almeno 3,5 milioni di anni e potrebbe essere stato nutrimento per un gruppo di vermi. L’annellide Osedax packardorum si nutre della polpa dentinale e potrebbe aver attaccato i giganteschi denti del megalodonte.

Da una bocca di predatore marino al fondo marino e una lunga attesa di 3,5 milioni di anni per essere raccolto da un robot, questo dente ha sicuramente molte storie da raccontare. Trovare fossili nelle profondità marine potrebbe non essere facile, ma dimostra che vale la pena cercare se vogliamo colmare le lacune nella nostra conoscenza di questi animali scarsamente conservati. La prima documentazione in situ di un fossile di squalo megalodonte proveniente dalle profondità marine sottolinea l’importanza dell’utilizzo di tecnologie avanzate di immersione profonda per esplorare le parti più grandi e meno esplorate del nostro oceano.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top