I batteri o i virus delle mummie dell’antico Egitto sono pericolosi per noi?

Le mummie contengono agenti patogeni che potrebbero essere trasmessi agli esseri umani oggi? Dobbiamo preoccuparci?

Gli antichi Egizi non erano estranei alle malattie: le ricerche hanno dimostrato che erano affetti da una serie di malattie infettive, tra cui il vaiolo , la tubercolosi e la lebbra . Ad esempio, Ramses V, quarto faraone della XX dinastia egizia, contrasse il vaiolo , come testimoniano le cicatrici del vaiolo che punteggiano il suo corpo mummificato. Sebbene l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) abbia dichiarato ufficialmente il vaiolo debellato in tutto il mondo nel 1980 , è possibile che, migliaia di anni dopo, mummie appena dissotterrate abbiano potuto trasmettere il vaiolo o altre malattie dai loro corpi? Piers Mitchell , direttore dell’Ancient Parasites Laboratory dell’Università di Cambridge e ricercatore associato senior presso il Dipartimento di Archeologia, ha affermato che è estremamente improbabile. “La maggior parte delle specie di parassiti muore entro un anno o due” senza un ospite vivente a cui agganciarsi”, ha detto Mitchell . “Se aspetti più di 10 anni, tutto è morto.” Ad esempio, i poxvirus come il vaiolo possono riprodursi solo all’interno delle cellule di un ospite vivente, secondo il National Center for Biotechnology Information della National Library of Medicine presso il National Institutes of Health (NIH) . Anche i batteri che causano la tubercolosi e la lebbra necessitano di ospiti viventi per sopravvivere, secondo il NIH. Tuttavia, secondo l’NIH, il vaiolo si trasmette attraverso il contatto diretto tra persone, mentre la tubercolosi e la lebbra si trasmettono solitamente attraverso le goccioline provenienti dal naso e dalla bocca, solitamente tramite uno starnuto o un colpo di tosse. Nel caso della lebbra, è necessaria un’esposizione prolungata con qualcuno che è malato perché si diffonda. Questo perché le due specie di batteri che causano la malattia, note come Mycobacterium leprae e Mycobacterium lepromatosis , si replicano lentamente, secondo i Centers for Disease Control and Prevention . Un altro fattore che riduce la probabilità che qualcuno contragga una malattia tramite il contatto con una mummia è la degradazione del DNA nel tempo.

I batteri o i virus delle mummie dell’antico Egitto sono pericolosi per noi?

Con l’analisi, puoi scoprire che tutti i pezzi di DNA di questi parassiti sono piuttosto corti”, ha detto Mitchell. “Invece di essere belle, lunghe e sane catene di DNA, sono solo circa 50-100 coppie di basi. È come se tutto fosse stato tagliato a pezzi, e questo perché [il DNA] si sta degradando e rompendo. Non c’è modo che qualcosa sia vitale una volta che il DNA si è sgretolato: niente si sta svegliando“. Tuttavia, alcuni vermi intestinali parassiti, che si distribuiscono attraverso le feci, vivono più a lungo di altri organismi e non tutti hanno bisogno di un ospite vivo per sopravvivere. Ma non rappresentano comunque un grosso problema. “Quelli possono essere molto più resistenti e possono durare diversi mesi, o a volte alcuni anni, ma nessuno di loro durerà migliaia di anni“, ha detto Mitchell. “La stragrande maggioranza dei parassiti muore quando muore l’ospite perché non hanno modo di sopravvivere”. E anche nel caso remoto in cui uno di questi antichi organismi fosse ancora vivo e vegeto, le maschere, i guanti e gli altri dispositivi di protezione indossati dai ricercatori per impedire che contaminino le mummie impedirebbero loro anche di contrarre o diffondere agenti patogeni.

L’articolo I batteri o i virus delle mummie dell’antico Egitto sono pericolosi per noi? sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top