Gli Stati Uniti rivendicano 1 milione di chilometri quadrati di territorio marino

Gli Stati Uniti rivendicano 1 milione di chilometri quadrati di territorio marino

The complex rugged nature of the continental shelf off the coast of Los Angeles pictured thanks to bathymetric data. (USGS Pacific Sea-Floor Mapping Project)

Gli Stati Uniti sono cresciuti di dimensioni di 1 milione di chilometri quadrati (più di 386.000 miglia quadrate) appena poche settimane fa, quasi il doppio dell’area della Spagna. Questa crescita improvvisa è stata causata dai paesi che cercano di rivendicare il loro territorio sul fondo oceanico, anziché da forze geologiche strane o da un’invasione di una terra straniera.

Le piattaforme continentali sono aree di fondale marino che circondano grandi masse di terra dove il mare è relativamente poco profondo rispetto all’oceano aperto. Secondo il diritto internazionale, i paesi possono rivendicare queste piattaforme continentali per gestire e sfruttare le sue risorse.

A map showing the US Extended Continental Shelf (ECS).

A map showing the US Extended Continental Shelf (ECS). (US State Department)

Fino ad ora, circa 75 paesi hanno definito i limiti della loro Piattaforma Continentale Estesa (ECS), che si riferisce alla porzione della piattaforma continentale oltre le 200 miglia nautiche (230 miglia) dalla costa. Gli Stati Uniti non hanno ancora fatto questo.

Il 19 dicembre 2023, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha annunciato nuove coordinate geografiche che definiscono ciò che affermano essere la loro area di ECS.

Dal 2003, le autorità statunitensi hanno collaborato con la NOAA, l’US Geological Survey e altre 12 agenzie per raccogliere dati geologici al fine di definire i limiti esterni della loro ECS.

In base a questo lavoro, gli Stati Uniti ora rivendicano ECS in sette aree al largo: l’Artico, l’Atlantico (costa orientale), il Mare di Bering, il Pacifico (costa occidentale), le Isole Marianne e due aree nel Golfo del Messico. In totale, ciò consuma un’area di 1 milione di chilometri quadrati (più di 386.000 miglia quadrate).

Secondo Mead Treadwell, ex vicegovernatore dell’Alaska e ex presidente della Commissione di Ricerca Artica degli Stati Uniti, “L’America è più grande di ieri”. Ha aggiunto che la nuova area di terra e le risorse sotterranee sotto la terra controllate dagli Stati Uniti sono due volte più grandi della California.

Tuttavia, la legalità di questa rivendicazione è incerta. Per rendere ufficiale la definizione, gli Stati Uniti devono presentare dati e relazioni alla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS). Tuttavia, gli Stati Uniti non hanno ratificato l’UNCLOS a causa di complessi disaccordi politici.

Ciò lascia un po’ di incertezza su come la proposta sarà accettata ai sensi del diritto internazionale. Treadwell ha affermato che la scienza alla base della rivendicazione è solida e che gli Stati Uniti ascolterebbero se qualcuno contestasse la loro scienza.

Rivendicare nuovi confini marittimi può essere controverso sulla scena internazionale, come dimostrano le dispute tra la Cina e i suoi vicini per il Mar Cinese Meridionale. Tuttavia, gli Stati Uniti traggono molti vantaggi dalla loro recente dichiarazione. L’espansione del territorio del fondale oceanico nell’Oceano Artico potrebbe aprire l’area a ulteriori attività minerarie, di navigazione e di pesca, nonostante i potenziali danni che potrebbe causare.

Questa dichiarazione ha anche implicazioni per la sicurezza nazionale e per l’esercizio del potere nel mondo. Come ha scritto Sir Walter Raleigh nel 1829: “Chi comanda il mare, comanda il commercio; chi comanda il commercio del mondo, comanda le ricchezze del mondo e di conseguenza il mondo stesso”.

Links: state.govstate.govalaskapublic.orgwilsoncenter.orgcfr.orgco.uk

L’articolo Gli Stati Uniti rivendicano 1 milione di chilometri quadrati di territorio marino sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top