Gli stambecchi alpini: il cambiamento climatico mette a rischio la loro sopravvivenza

Gli stambecchi alpini: il cambiamento climatico mette a rischio la loro sopravvivenza
Battere il caldo comporta una serie di sfide. (Peter Wey/Shutterstock.com)

La crisi climatica e il riscaldamento del pianeta stanno avendo un effetto devastante sul mondo naturale e sulle specie animali che vi vivono. Mentre gli orsi polari sono stati trovati ad essere a maggior rischio di fame a causa della mancanza di ghiaccio marino, un’altra specie sta affrontando il problema opposto, essendo messa in maggior pericolo di predazione a causa dei cambiamenti nel loro comportamento per sconfiggere le estreme temperature.

Gli stambecchi alpini (Capra ibex) che vivono in due aree protette all’interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso nelle Alpi italiane sono stati studiati, in quanto sono una specie adattata al freddo nota per essere sensibile agli effetti del riscaldamento globale. 

Di solito gli stambecchi si nutrono di erba e vegetazione a quote più basse delle montagne durante il giorno, trascorrendo la notte lontano dal loro principale predatore, il lupo (Canis lupus), in alto sul pendio della montagna. Tuttavia, l’aumento delle temperature giornaliere ha comportato più tempo trascorso in montagna e un passaggio al nutrirsi durante la più fresca notte. Sebbene possa sembrare una soluzione sensata, ha un grande problema: il

I 47 stambecchi sono stati monitorati tramite collari di tracciamento a rilevamento di movimento tra il 2006 e il 2019. Durante le giornate più calde, gli stambecchi diventano meno attivi durante il giorno e più attivi di notte. Ciò mette gli stambecchi a maggior rischio di predazione da parte dei lupi nelle aree erbose aperte più in basso sulla montagna, dove sono meno protetti.

Questa specie mostra anche un alto livello di dimorfismo sessuale, il che significa che i maschi e le femmine della specie hanno un aspetto molto diverso. Queste differenze, come ad esempio i maschi che hanno le corna mentre le femmine hanno meno grasso, modificano i loro fattori di rischio per i pericoli sia del surriscaldamento che della predazione. Il team ha riscontrato una maggiore attività notturna in risposta alle temperature giornaliere più elevate, anche quando le femmine avevano i piccoli.

Dato che lo stambecco è tipicamente una specie diurna, la loro vista è anche compromessa dal nutrirsi di notte, rendendoli ulteriormente vulnerabili agli attacchi dei lupi. Il team ha scoperto che le capre erano più attive durante le notti più luminose grazie alla Luna, il che significa che erano in grado di rilevare meglio i predatori e i benefici del foraggiamento notturno superavano i rischi. 

Poiché il cambiamento climatico continua ad aumentare le temperature in questa regione, è probabile che gli stambecchi continueranno questo comportamento e metteranno la loro sopravvivenza a un rischio ancora maggiore. 

Lo studio è pubblicato su Proceedings of The Royal Society B: Biological Sciences.

L’articolo Gli stambecchi alpini: il cambiamento climatico mette a rischio la loro sopravvivenza sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top