Gli scimpanzé malati assumono antibiotici che raccolgono tra le piante. La scoperta

Gli esemplari osservato in Uganda cercano erbe e cortecce con proprietà medicinali per alleviare i loro disturbi specifici.

Ha fatto scalpore la notizia che un maschio di orango di Sumatra ( Pongo abelii ) applicava delle piante medicinali precedentemente masticate sulle sue ferite con la chiara intenzione di guarirle. Era la prima volta che i ricercatori osservavano un simile comportamento. Ora, però, un altro team dell’Università di Oxford (Regno Unito) ha rivelato come un gruppo di scimpanzé Budongo selvatici in Uganda mangia erbe con proprietà medicinali per curare le loro malattie. Molte piante producono composti che hanno effetti medicinali sugli esseri umani e su altri animali. Gli scimpanzé selvatici mangiano una varietà di sostanze vegetali, tra cui alcune erbe e cortecce che sono povere dal punto di vista nutrizionale ma possono trattare o alleviare i sintomi di varie malattie. Questo comportamento è stato osservato molte volte. Tuttavia, è difficile determinare se gli scimpanzé si automedicano, cercando intenzionalmente piante con proprietà che aiutano i loro disturbi specifici o consumando passivamente piante che sembrano essere medicinali.

Gli scimpanzé malati assumono antibiotici che raccolgono tra le piante. La scoperta

Gli autori hanno combinato le osservazioni comportamentali degli scimpanzé selvatici ( Pan troglodytes ) con test farmacologici sulle piante potenzialmente medicinali di cui si nutrono. Hanno monitorato il comportamento e la salute di 51 scimpanzé di due comunità nella Riserva forestale centrale di Budongo. Successivamente, hanno raccolto estratti di tredici specie di alberi ed erbe nella riserva che sospettavano gli scimpanzé potessero utilizzare per automedicarsi, e ne hanno testato le proprietà antinfiammatorie e antibiotiche. Queste includevano piante che gli scimpanzé malati o feriti mangiavano, ma che non facevano parte della loro dieta normale, e piante che ricerche precedenti avevano suggerito che gli scimpanzé potessero consumare per le loro proprietà medicinali.

La felce contro il dolore

Come riportato sulla rivista PLOS One, i ricercatori hanno scoperto che l’88% degli estratti vegetali inibiva la crescita batterica, mentre il 33% aveva proprietà antinfiammatorie. Il legno morto di un albero della famiglia Dogbane ( Alstonia boonei ) ha mostrato la più forte attività antibatterica e aveva anche proprietà antinfiammatorie, suggerendo che potrebbe essere usato per curare le ferite. La corteccia e la resina dell’albero di mogano dell’Africa orientale ( Khaya anthotheca ) e le foglie di una felce ( Christella parasitica ) hanno mostrato, invece, potenti effetti antinfiammatori. I risultati suggeriscono che gli scimpanzé cercano piante specifiche per i loro effetti medicinali. Lo studio è uno dei primi a fornire prove sia comportamentali che farmacologiche dei benefici medicinali derivanti agli scimpanzé selvatici dal nutrirsi di corteccia e legno morto. Secondo gli autori, le piante medicinali che crescono nella Riserva forestale centrale di Budongo potrebbero essere utili anche per lo sviluppo di nuovi farmaci che affrontano le sfide dei batteri resistenti agli antibiotici e delle malattie infiammatorie croniche. “In questo articolo dimostriamo come osservare e imparare dai nostri cugini primati può accelerare la scoperta di nuovi farmaci, sottolineando al contempo l’importanza di proteggere le nostre farmacie forestali“, hanno concluso gli esperti.

L’articolo Gli scimpanzé malati assumono antibiotici che raccolgono tra le piante. La scoperta sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top