Gli scienziati hanno scoperto cinque varianti diverse di Alzheimer

Gli scienziati hanno identificato cinque distinte varianti biologiche della malattia di Alzheimer , che sembrano differire nel modo in cui colpiscono il cervello e, potenzialmente, nel modo in cui rispondono al trattamento.

Il gruppo di ricerca internazionale che ha analizzato le proteine ​​del liquido cerebrospinale in 606 persone afferma che ciò significa che i farmaci già testati potrebbero essere erroneamente sembrati inefficaci o solo leggermente efficaci. La loro scoperta potrebbe portare a terapie più personalizzate o misure preventive per questi sottotipi. Presenta inoltre la speranza di una diagnosi precoce e di un intervento volto a ritardare la comparsa dei sintomi della malattia di Alzheimer (AD). “Dati i modelli distinti dei processi molecolari e dei profili di rischio genetico dell’AD, è probabile che i sottotipi di AD richiederanno trattamenti specifici”, scrivono la neuroscienziata Betty Tijms dell’Alzheimer Center Amsterdam e colleghi. La malattia di Alzheimer, una malattia neurodegenerativa che colpisce milioni di persone in tutto il mondo, è caratterizzata dall’accumulo di proteine ​​amiloide e tau nel cervello , che porta a una progressiva perdita di memoria e a un declino cognitivo. Oltre all’accumulo di proteine ​​amiloide e tau che formano grumi e grovigli all’interno del tessuto cerebrale, sappiamo che sono coinvolti altri processi biologici in altri tessuti . Utilizzando una tecnologia aggiornata, i ricercatori sono stati in grado di misurare con precisione i componenti critici di questi altri processi. Tijms e il suo team hanno utilizzato la proteomica della spettrometria di massa per analizzare il liquido cerebrospinale di 419 persone con Alzheimer e 187 controlli, alla ricerca di differenze nei livelli proteici. Ciò ha portato alla selezione di 1.058 proteine ​​correlate all’Alzheimer per l’analisi. I ricercatori sono stati in grado di identificare cinque distinti sottotipi biologici della malattia, distinti da variazioni quali iperplasticità, attivazione immunitaria, disregolazione dell’RNA, disfunzione del plesso coroideo e compromissione della barriera sangue-bacino. Ogni variazione era caratterizzata da alterazioni specifiche in gruppi di proteine ​​legate all’infiammazione, alla crescita delle cellule nervose e ad altri processi biologici. “Tre sottotipi ricapitolano i tre sottotipi precedentemente identificati (iperplasticità, attivazione immunitaria innata e disfunzione della barriera emato-encefalica)”, spiegano Tijms e il suo team . “Abbiamo inoltre identificato due ulteriori sottotipi di AD: uno con disregolazione dell’RNA e uno con disfunzione del plesso coroideo .” Identificare i biomarcatori di ciascuna variante può aiutarci a diagnosticare l’Alzheimer più precocemente , quando l’intervento è più efficace .

Gli scienziati hanno scoperto cinque varianti diverse di Alzheimer

I ricercatori hanno anche esaminato le scansioni di risonanza magnetica ( MRI ) di un sottogruppo di 503 partecipanti per confrontare i sottotipi con le differenze di volume individuali in alcune regioni del cervello. “I sottotipi avevano profili di rischio genetico di AD distinti”, scrive il team, aggiungendo che “differivano anche nei risultati clinici, nei tempi di sopravvivenza e nei modelli anatomici di atrofia cerebrale”. L’iperplasticità sembra implicare una risposta di crescita cellulare iperattiva, che porta all’accumulo di proteine ​​amiloide e tau. Nell’attivazione immunitaria innata , il sistema immunitario va in overdrive, attaccando eccessivamente il tessuto cerebrale sano. La disregolazione dell’RNA comporta cambiamenti nel trasporto delle proteine ​​lungo gli assoni che consentono alle cellule nervose di funzionare correttamente. La disfunzione del plesso coroideo influisce sul sistema ventricolare del cervello, che contribuisce alla produzione di liquido cerebrospinale e al trasferimento di nutrienti al cervello. La compromissione della barriera ematoencefalica indebolisce la barriera che protegge il cervello , consentendo l’infiltrazione di molecole dannose . A differenza dell’iperplasticità, questo sottotipo presenta una crescita lenta delle cellule nervose e una bassa produzione di amiloide. Ciò potrebbe significare che alcuni farmaci funzionano solo in un tipo di Alzheimer. I farmaci focalizzati sull’amiloide , ad esempio, possono trattare un sottotipo con una maggiore produzione di amiloide ma potenzialmente danneggiare un sottotipo con una produzione ridotta. “Gli effetti collaterali derivanti da alcuni trattamenti possono dipendere anche dal sottotipo”, affermano gli autori . “Ad esempio, mentre gli anticorpi possono attraversare più facilmente la barriera ematoencefalica nel sottotipo 5, questi individui potrebbero essere maggiormente a rischio di emorragia cerebrale che può verificarsi con il trattamento con anticorpi “. Tradizionalmente, l’Alzheimer è stato visto come una singola malattia con alcune variazioni nei sintomi e nella progressione . Nonostante le ricerche approfondite , non esiste una cura e i trattamenti attuali offrono solo una gestione limitata dei sintomi. Sono necessari ulteriori studi per convalidare queste nuove scoperte e indagare se le varianti rispondono in modo diverso ai farmaci. Detto questo, si tratta di un entusiasmante passo avanti nella lotta in corso contro l’Alzheimer e ogni scoperta come questa ci avvicina alla ricerca di una cura.

L’articolo Gli scienziati hanno scoperto cinque varianti diverse di Alzheimer sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top