Gli ornamenti Gravettiani: un’analisi delle culture preistoriche europee

Gli ornamenti Gravettiani: un’analisi delle culture preistoriche europee
Denti (sinistra) utilizzati come ornamenti identificati nei siti gravettiani provenienti da molti animali e esseri umani (11) e ornamenti sagomati e ossa (destra) dagli stessi siti. (Baker et al., Nature Human Behavior 2024)

Gli archeologi dell’Université Bordeaux hanno costruito un database continentale di ornamenti personali indossati dagli europei 34.000-24.000 anni fa, un periodo noto come complesso tecnologico Gravettiano. Combinando le posizioni in cui sono stati trovati con i dati genetici, sono emerse nove culture distinte. “Dimostriamo che la variabilità degli ornamenti Gravettiani non può essere spiegata solo dall’isolamento per distanza”, scrivono gli autori.

Gli esseri umani adornano il nostro corpo con oggetti come conchiglie da almeno 140.000 anni. Nel tempo, la gamma di oggetti utilizzati è cresciuta e intorno a 45.000 anni fa c’è stata un’esplosione nella diversità dei tipi di perle fatte di ossa, conchiglie, avorio e pietre, tra altri materiali grezzi.

A questo punto, gli autori dello studio notano che i gioielli sono diventati un utile indicatore culturale per gli archeologi moderni. “L’idea alla base di questo approccio”, scrivono, “è che gli ornamenti personali sono una tecnologia di comunicazione utilizzata per trasmettere informazioni privilegiate sull’appartenenza a un gruppo e sullo status sociale”.

Gli oggetti sepolti con qualcuno possono avere un significato extra, se non altro il fatto che la cultura si impegnava nella sepoltura, cosa non universale all’epoca.

Alcuni archeologi hanno utilizzato le differenze nello stile dei gioielli per distinguere le culture dell’epoca. Altri, tuttavia, hanno dissentito, sostenendo che queste riflettano l’isolamento per distanza in un’epoca in cui tutti i viaggi erano a piedi. Se ad esempio le conchiglie non venivano utilizzate lontano dall’entroterra, potrebbe non rappresentare una discontinuità culturale, ma piuttosto la difficoltà di importarle.

Dovrebbe essere possibile testare queste due spiegazioni contrastanti, notano gli autori dell’ultimo studio. Se la seconda interpretazione è corretta, le differenze nello stile saranno determinate dalla distanza. Sulla prima visione, fattori come la lingua, l’ambiente e le differenze etniche giocheranno anche un ruolo. Guardando indietro di 30.000 anni, potremmo non essere in grado di misurare alcuni di questi, ma altri avranno lasciato il loro segno.

Per testare quale sia corretto, è necessario un ampio database di ornamenti e delle loro posizioni, ed è quello che il primo autore Jack Baker ha costruito per la sua tesi di dottorato, utilizzando esempi da 112 siti.

Anche a quel tempo, le conchiglie erano gli ornamenti più comuni, con 79 esempi trovati, rispetto a 26 denti e 29 fatti di altri oggetti. Sebbene 13 delle conchiglie potrebbero essere originarie dell’entroterra, essendo specie di acqua dolce o fatte da fossili depositati in parti d’Europa che un tempo erano sott’acqua, la maggior parte doveva essere portata dalla costa, spesso da luoghi lontani.

Insieme ai materiali grezzi, lo studio ha identificato differenze nello stile degli ornamenti tra le diverse località. Come ha detto Baker a Science Magazine: la cultura Gravettiana non era “una cosa monolitica”.

Anche se la distanza geografica è stata certamente un fattore nella variazione trovata tra i siti, gli autori hanno concluso che non era l’unico. Hanno identificato nove gruppi di siti contraddistinti da caratteristiche comuni di ciò che è stato trovato in ognuno. Tre di questi erano composti da siti di sepoltura e sei da luoghi di occupazione.

La posizione dei cluster culturali gravettiani su una mappa dell’Europa moderna (i livelli del mare erano 100 metri più bassi). Notare l’affascinante somiglianza tra l’Europa e la Grecia, nonostante il mare tra di loro.
Baker et al., Nature Human Behavior 2024

Non sono solo gli ornamenti a rivelare differenze culturali. In Europa orientale, tutti i siti di sepoltura risalgono ai periodi Gravettiani iniziali e medi, con la pratica che sembra interrompersi successivamente per qualche motivo. D’altra parte, è solo nel Gravettiano medio e tardivo che sembra esserci stata la sepoltura in Italia. Forse una volta che hanno saputo che gli italiani lo facevano, gli europei orientali si sono raffreddati sull’idea della sepoltura in generale.

“I nostri risultati sono coerenti con l’idea che quando scelgono i loro ornamenti personali, i cacciatori-raccoglitori Gravettiani seguivano, almeno in parte, convenzioni dettate dal loro senso di appartenenza a un gruppo culturale e che esistevano confini culturali leggermente permeabili tra i gruppi”, scrivono gli autori.

La recente capacità di estrarre il DNA dagli esseri umani dell’era glaciale ha portato all’identificazione delle popolazioni in base al loro gruppo genetico anziché agli oggetti culturali, come in passato. Baker e colleghi evidenza nota di una discontinuità genetica tra l’Europa occidentale dell’epoca e le parti centrali e meridionali del continente, ma chiaramente questa non era l’unica causa delle divisioni culturali.

Il professor Peter Jordan dell’Università di Lund, che non ha partecipato alla ricerca, ha detto a Science Magazine che in questo studio, “L’archeologia reagisce, mostrando che possiamo generare nuove narrazioni che utilizzano anche un approccio quantitativo molto rigoroso allo studio delle tradizioni materiali”.

Nonostante l’analisi genetica si sia rivelata popolare come la nuova cosa brillante, Baker e coautori notano che abbiamo il DNA solo di un piccolo numero di individui dell’epoca, con gran parte del continente non coperto.

Lo studio è pubblicato su Nature Human Behavior.

L’articolo Gli ornamenti Gravettiani: un’analisi delle culture preistoriche europee sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top