Gli esseri umani moderni seguirono un “corridoio blu” fuori dall’Africa meno di 100.000 anni fa

Secondo un nuovo studio, l’aridità causata dall’eruzione del supervulcano Toba in Indonesia costrinse i nostri antenati a spostarsi di stagno in stagno in cerca di pesci di cui nutrirsi

Gli esseri umani moderni si sono dispersi più volte fuori dall’Africa, ma la migrazione più recente e diffusa, che ha portato all’espansione globale, è avvenuta meno di 100.000 anni fa. La teoria più accreditata dice che i nostri antenati approfittarono dei “corridoi verdi” formatisi durante i periodi umidi, quando la vegetazione e il cibo erano abbondanti, per avventurarsi oltre i territori conosciuti. D’altro canto, periodi di aridità, in cui il cibo non era assicurato, avrebbero limitato i movimenti umani. Tuttavia, un team di ricercatori americani ritiene che la storia sia un po’ più complessa. Come spiegato nella rivista ‘Nature‘, l’aridità non ha fermato l’uomo ma potrebbe essere stato un fattore scatenante che lo ha costretto a migrare. La dispersione, in questo caso, avrebbe seguito le “autostrade blu” create dai fiumi stagionali.I ricercatori hanno studiato il sito di Shinfa-Metema 1 nel nord-ovest dell’Etiopia, vicino al fiume Shinfa, occupato da un gruppo umano circa 74.000 anni fa, quando eruttò il supervulcano Toba, uno dei più grandi della storia. L’eruzione è documentata da piccoli frammenti di vetro vulcanico la cui chimica corrisponde a quella del Toba. Gli isotopi di ossigeno provenienti dai gusci delle uova di struzzo e dai denti fossili di mammiferi rinvenuti nell’area indicano che l’ambiente all’epoca era particolarmente arido, con lunghe stagioni secche, alla pari di alcuni degli habitat più aridi dell’Australia orientale e dell’Africa di oggi. Ma quegli individui sono riusciti a sopravvivere. Ulteriori risultati suggeriscono che quando il flusso del fiume si interrompeva durante i periodi di siccità, il gruppo si adattava cacciando gli animali che si accalcavano nelle rimanenti pozze d’acqua per bere. Man mano che le pozze continuavano a ridursi, divenne più facile catturare i pesci senza attrezzature speciali e le diete si orientarono maggiormente verso i pesci. Gli effetti climatici del vulcano hanno prodotto una stagione secca più lunga, rendendo la popolazione ancora più dipendente dalla pesca. Una volta prosciugato un pozzo, gli esseri umani di allora dovevano spostarsi e cercarne uno nuovo.

Gli esseri umani moderni seguirono un “corridoio blu” fuori dall’Africa meno di 100.000 anni fa

Quando le persone esaurirono il cibo dentro e intorno a una determinata pozza d’acqua durante la stagione secca, probabilmente furono costrette a spostarsi in nuove pozze d’acqua“, afferma John Kappelman, professore di antropologia e scienze della terra e planetarie all’Università del Massachusetts. Università del Texas ad Austin ( USA) e autore principale dello studio. “I fiumi stagionali funzionavano quindi come ‘pompe’ che deviavano le popolazioni lungo i canali da una pozza d’acqua all’altra, spingendo potenzialmente la dispersione più recente fuori dall’Africa“, osserva. È improbabile che gli umani che vivevano a Shinfa fossero membri del gruppo che lasciò l’Africa. Tuttavia, la flessibilità comportamentale che li ha aiutati ad adattarsi a condizioni climatiche difficili come la supereruzione del Toba è stata probabilmente una caratteristica chiave degli esseri umani dell’età della pietra media che ha permesso alla nostra specie di diffondersi in diversi climi e habitat in tutto il mondo. Gli uomini che vivevano a Shinfa cacciavano una varietà di animali terrestri, dalle antilopi alle scimmie, come attestato dai segni di taglio sulle ossa, e apparentemente cucinavano i loro pasti, come attestano le prove del fuoco controllato. Gli strumenti di pietra più caratteristici sono piccoli punti triangolari simmetrici. L’analisi mostra che si tratta probabilmente di punte di freccia che, con 74.000 anni, rappresentano la più antica testimonianza di tiro con l’arco. Forse li usavano per catturare quei pesci intrappolati negli stagni.

L’articolo Gli esseri umani moderni seguirono un “corridoio blu” fuori dall’Africa meno di 100.000 anni fa sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top