Gli esperti hanno tradotto l’antica tavoletta cuneiforme di Beth Shemesh

L’iscrizione trovata quasi un secolo fa a Beth Shemesh era una sequenza di lettere copiate da uno scriba in erba.

Nel 1933, gli archeologi che scavavano tra le rovine di Beth Shemesh, un antico insediamento nell’odierno Israele centrale, trovarono una tavoletta di argilla fratturata recante un’iscrizione cuneiforme. La scoperta è stata emozionante. I cunei tipici della scrittura cuneiforme formavano un testo alfabetico. Ogni lettera rappresentava un suono, piuttosto che una sillaba o un ideogramma, come la maggior parte delle iscrizioni cuneiformi conosciute dalla Mesopotamia e dal Medio Oriente. Datato al XIV o all’inizio del XIII secolo a.C., il testo somigliava alle iscrizioni trovate a Ugarit, una città-stato costiera nell’odierna Siria, che sviluppò proprio questo tipo di scrittura alfabetica cuneiforme circa un secolo prima. La tavoletta di Beth Shemesh era, e rimane, il primo testo del suo genere trovato fuori Ugarit, e da allora solo altri due esempi sono stati rinvenuti nel Levante meridionale. Si scopre che l’enigmatica tavoletta è qualcos’altro. Una nuova analisi scientifica del manufatto dimostra che è stato realizzato localmente e supporta un precedente suggerimento di altri ricercatori secondo cui si tratta in realtà di un esercizio scolastico di un giovane apprendista che impara un nuovo alfabeto. Il manufatto è una rara prova di una scuola di scribi al di fuori di Ugarit, e un altro pezzo del puzzle nel tentativo di ricostruire il complesso processo che ha portato allo sviluppo dell’alfabeto come lo conosciamo oggi, dicono gli studiosi. Un team internazionale guidato da ricercatori dell’Università Ben-Gurion di Be’er Sheva ha studiato la tavoletta al microscopio e ha analizzato la composizione chimica dell’argilla per comprenderne l’origine. I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati la scorsa settimana su Tel Aviv: Journal of the Institute of Archaeology of Tel Aviv University . Lo studio è stato condotto da Cécile Fossé, dottoranda presso l’Università Ben-Gurion, morta a causa di cancro prima della sua pubblicazione. L’articolo vuole anche essere un omaggio al suo lavoro. “Prima di tutto volevamo sapere se era scritto a Beth Shemesh o Ugarit”, afferma il prof. Yuval Goren, supervisore accademico di Fossé e noto esperto nell’applicazione di metodi scientifici avanzati ai reperti archeologici . L’analisi petrografica della tavoletta ha mostrato che la composizione chimica dell’argilla era tipica della Shephelah, la regione collinare in cui si trova Beth Shemesh, e non era compatibile con il terreno della zona di Ugarit, spiega Goren. Quindi, molto probabilmente la tavoletta è stata realizzata a Beth Shemesh o nelle sue vicinanze e non è stata portata da un corriere diplomatico della potente città-stato del Levante settentrionale. Inoltre, la tavoletta deforme non corrisponde alle dimensioni standard delle tavolette di argilla usate in quel periodo, suggerendo che sia stata realizzata da un dilettante. Inoltre, sul retro del tablet, i ricercatori hanno individuato un’impronta digitale le cui dimensioni suggeriscono che il manufatto sia stato modellato o maneggiato da un bambino. Tutto ciò indica un esercizio svolto da uno studente ancor prima che gli archeologi esaminassero più da vicino il testo utilizzando un microscopio stereoscopico, che ha fornito loro una visione tridimensionale dei minuscoli solchi lasciati dallo stilo dello scriba migliaia di anni fa. Le lettere sono simili all’alfabeto cuneiforme usato a Ugarit, ma ci sono alcune variazioni, sia perché si trattava di un dialetto locale, sia perché lo scriba ha commesso degli errori. Lo scrittore era sicuramente uno studente perché molte lettere mostrano correzioni sovrapposte al testo originale, riferiscono i ricercatori. Per quanto riguarda il contenuto, il testo è piuttosto incomprensibile. Non forma parole coerenti, afferma Goren. La trascrizione proposta dal team conferma che ciò che abbiamo qui è solo una sequenza di lettere scritte nell’alfabeto cuneiforme, afferma il dottor Jonathan Yogev, ricercatore presso il Kaye Academic College of Education di Be’er Sheva ed esperto di testi ugaritici. Molto probabilmente si trattava di un esercizio di dettatura in cui l’insegnante pronunciava le lettere e lo studente doveva trascriverle, il che a volte comportava errori e correzioni.

Gli esperti hanno tradotto l’antica tavoletta cuneiforme di Beth Shemesh

“Vediamo questo metodo in altre antiche scuole di scribi, inclusa quella di Ugarit”, dice Yogev. “Probabilmente è un esercizio di dettatura. L’insegnante sta accanto a te e detta le lettere: ‘A, B, C, R, V’, e qualche volta ripete ‘R, R, R’, soprattutto se commetti un errore.” Questa scrittura cuneiforme differisce dall’ugaritico in alcuni modi oltre alla forma di alcune lettere (ma ancora una volta, è difficile sapere se alcune o tutte queste differenze siano errori di scriba o variazioni dialettali locali). La scrittura è scritta da destra a sinistra, come l’ebraico, mentre la maggior parte dei testi cuneiformi trovati a Ugarit e altrove sono scritti da sinistra a destra, dice Yogev. Ancora più importante, l’esercizio sembra iniziare scrivendo le lettere dell’alfabeto in sequenza, ma l’ordine è diverso. La tavoletta di Beth Shemesh inizia con le lettere H, L, CH (il gutturale ‘chet’ in ebraico) e M. Questa non è la sequenza standard a Ugarit (che inizia con A e B), e che fu successivamente adottata in tutto il mondo. gran parte dell’Occidente, dandoci la stessa parola “alfabeto” – dalle prime due lettere del sistema di scrittura. Ciò che appare nella tavoletta di Beth Shemesh è il cosiddetto ordine “halcham” (dalle sue prime quattro lettere). Questo ordine alfabetico è noto dalle antiche lingue semitiche meridionali e sopravvive oggi nel Ge’ez, la lingua etiope classica ancora usata dagli ebrei etiopi, spiega Yogev. Ciò apre un’affascinante finestra sul mondo degli antichi Cananei e sulla loro alfabetizzazione, dice. Data la scarsità di ritrovamenti testuali nel Levante meridionale non sappiamo molto dei Cananei e di come scrivevano. Sappiamo dalle lettere egiziane di Amarna , il rinomato archivio di corrispondenza del XIV secolo a.C. tra il faraone e le sue città-stato vassalli cananee, che i loro scribi parlavano correntemente l’accadico. Si trattava di un’antica lingua mesopotamica, scritta in caratteri sillabici cuneiformi, che nella tarda età del bronzo era usata come lingua internazionale della diplomazia. Ma non sappiamo come i Cananei si scrivessero tra loro o se usassero tutti gli stessi metodi di scrittura, dice Yogev. In effetti, la nozione stessa di cultura “cananea” potrebbe essere una finzione creata da autori biblici successivi. Già nell’età del bronzo gli abitanti del Levante potrebbero non identificarsi come un unico popolo, ma piuttosto come gruppi distinti legati a varie città-stato, ciascuna con la propria cultura e forse ciascuna con il proprio sistema di scrittura.

L’articolo Gli esperti hanno tradotto l’antica tavoletta cuneiforme di Beth Shemesh sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top