Gli Esperimenti di Iniezione di Plutonio Umano durante il Progetto Manhattan

Gli Esperimenti di Iniezione di Plutonio Umano durante il Progetto Manhattan

C’era molto che non sapevamo su come la radiazione influisce sul corpo umano quando è iniziato il Progetto Manhattan. Gli altamente controversi Esperimenti di Iniezione di Plutonio Umano si sono proposti di cambiare questa situazione. (Manhhai tramite flickr, CC BY 2.0)

Durante la Seconda Guerra Mondiale, il Progetto Manhattan fu avviato per lo sviluppo di armi nucleari. Gli scienziati coinvolti si resero conto che era necessario comprendere meglio gli effetti dei materiali radioattivi sul corpo umano. Per fare ciò, furono condotti gli Esperimenti di Iniezione di Plutonio Umano. Albert Stephens fu uno dei partecipanti a molti di questi esperimenti e fu il primo paziente californiano ad essere iniettato con plutonio, con il nome in codice Paziente CAL-1. Tuttavia, non ci sono prove che suggeriscano che Stephens fosse stato informato o avesse dato il consenso per essere esposto al plutonio. Gli esperimenti avevano lo scopo di studiare gli effetti degli isotopi radioattivi del plutonio sul corpo umano, che erano un componente chiave della bomba atomica “Fat Man” sganciata su Nagasaki nel 1945. Il Progetto Manhattan istituì una Divisione Sanitaria nel 1942, che iniziò con test su animali e successivamente passò a soggetti umani quando i test sugli animali non fornirono informazioni sufficienti. Secondo un rapporto del Los Alamos Laboratory del 1962, i pazienti selezionati per gli esperimenti erano considerati terminali con un’aspettativa di vita inferiore a 10 anni. Stephens ricevette una dose di plutonio-238 considerata molte volte superiore alla dose letale di riferimento. Il plutonio-238 è significativo perché è molto più radioattivo del plutonio-239 incluso nella miscela di iniezione di Stephens. Nonostante l’alta dose di radiazioni, Stephens non mostrò effetti immediati o acuti e morì per insufficienza cardiorespiratoria 21 anni dopo l’esposizione. Non è mai stato rivelato a Stephens o alla sua famiglia che non aveva il cancro, nonostante fosse stato monitorato per decenni dopo l’iniezione di plutonio. Durante un intervento chirurgico successivo, furono prelevati campioni di organi che non arrivarono mai al laboratorio di anatomia patologica. Nel 1946, un rapporto classificato pubblicato dal gruppo di Berkeley menzionava i campioni prelevati da Albert. La famiglia di Stephens non fu mai informata di ciò che era stato fatto a lui e non fu mai spiegato perché continuò ad essere monitorato. Quando gli esperimenti segreti furono portati a giudizio, le famiglie dei pazienti si accordarono fuori dal tribunale con somme in denaro. Nonostante il comitato non abbia trovato prove di intenzioni malevole, la famiglia di Stephens aveva una visione diversa.

Links:

L’articolo Gli Esperimenti di Iniezione di Plutonio Umano durante il Progetto Manhattan sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top