Gli astronomi hanno trovato il buco nero più antico di sempre

Un team internazionale di ricercatori ha scoperto il buco nero più antico mai osservato , un oggetto nato agli albori dell’universo, 400 milioni di anni dopo il Big Bang, momento che 13.000 anni fa diede origine a un universo pieno di meraviglie.

Fino a solo due anni fa, molti segreti del cosmo rimanevano nascosti agli astronomi, ma l’arrivo del James Webb Space Telescope , costruito dalla NASA, dall’Agenzia spaziale europea (ESA) e dall’Agenzia canadese (CSA), ha cambiato le cose. Questa meraviglia tecnologica ha aperto una nuova era nella ricerca astronomica. Il telescopio, che opera nell’infrarosso, può vedere oggetti freddi, molto distanti o nascosti dietro la polvere , permettendogli di osservare l’universo primordiale e di vedere oggetti antichi quanto il buco nero appena scoperto da una collaborazione di scienziati guidati dall’ l’astrofisico Roberto Maiolino, dell’Università di Cambridge (Regno Unito). I risultati della ricerca, pubblicati mercoledì sulla rivista Nature , rappresentano, secondo Maiolino, “un grande passo avanti”. Per cominciare, l’esistenza di questo buco nero sorprendentemente massiccio – qualche milione di volte la massa del nostro Sole – in un momento così precoce nell’Universo mina le teorie sulla formazione e la crescita di questi oggetti . La sua origine, un mistero. Gli astronomi ritengono che i buchi neri supermassicci trovati al centro di galassie come la Via Lattea abbiano impiegato miliardi di anni per raggiungere le loro dimensioni. Secondo i modelli standard, questi oggetti si formano dai resti di stelle morte , che collassano e possono formare un buco nero circa cento volte la massa del Sole ma, secondo questa teoria, il giovane buco nero appena scoperto impiegherebbe circa un miliardo anni per raggiungere le dimensioni attuali, ma l’universo non aveva ancora un miliardo di anni quando fu scoperto. ” È molto presto nell’universo perché esista un buco nero così massiccio , quindi bisogna considerare altri modi in cui potrebbero formarsi”, ha spiegato Maiolino, del Cavendish Laboratory di Cambridge e del Kavli Institute of Cosmology. I ricercatori ritengono che questo buco sia così grande che deve essersi formato in un altro modo : potrebbe essere “nato grande” o aver divorato materia a una velocità cinque volte maggiore di quanto si ritenesse possibile in precedenza. “Le galassie molto primitive erano estremamente ricche di gas , quindi sarebbero state come un buffet per i buchi neri”, suggerisce il ricercatore. Come altri buchi neri, questo giovane buco nero cresce divorando la materia della galassia che lo ospita , ma è molto più vorace di altri buchi di epoche successive.

Gli astronomi hanno trovato il buco nero più antico di sempre

La giovane galassia ospite, chiamata GN-z11 , brilla per la presenza del buco enormemente energetico al suo centro. Questa galassia è compatta – circa cento volte più piccola della Via Lattea – ma gli astronomi ritengono che sia il buco nero a causarne la morte. Quando i buchi neri consumano troppo gas, lo spingono qua e là come un vento ultraveloce . Questo “vento” potrebbe fermare il processo di formazione stellare, uccidendo lentamente la galassia e anche lo stesso buco nero, che rimarrebbe senza “cibo”. Per Maiolino questa entusiasmante scoperta è dovuta a James Webb, che ha aperto ” una nuova era” nell’osservazione astronomica . “L’enorme salto di sensibilità, soprattutto nell’infrarosso, è come passare dal telescopio di Galileo a un telescopio moderno in una notte”, dice. “Prima che Webb fosse online, pensavo che forse l’universo non fosse così interessante quando si andava oltre ciò che potevamo vedere con il telescopio spaziale Hubble. Ma non è stato affatto così: l’universo è stato piuttosto generoso in ciò che ci mostra, e questo è solo l’inizio “, sottolinea. Maiolino è fiducioso che con la sua sensibilità Webb sarà in grado di trovare buchi neri ancora più vecchi nei prossimi mesi e anni e svelare i dubbi sulla formazione di questi oggetti. I ricercatori ritengono che GN-z11 sia una galassia molto piccola , circa 100 volte più piccola della Via Lattea. Alla velocità con cui sembra alimentarsi il suo buco nero, non ci vorrebbe molto perché il gas venga trascinato nello spazio intergalattico. Nel processo, ciò interromperebbe la crescita del buco nero, poiché rimuoverebbe qualsiasi materiale che possa utilizzare come cibo.

L’articolo Gli astronomi hanno trovato il buco nero più antico di sempre sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top