Gli asteroidi attivi: una nuova scoperta nel sistema solare

Gli asteroidi attivi: una nuova scoperta nel sistema solare

Gli asteroidi attivi sfocano il confine tra asteroidi e comete. Questa è una rappresentazione artistica di come potrebbe apparire uno. (NASA)

I cittadini scienziati hanno rilevato attività simile a quella di una cometa intorno al 2009 DQ118, un oggetto supposto essere un asteroide. Questo dimostra che le classificazioni degli oggetti nel nostro sistema solare sono più una questione di comodità che di verità eterna riguardo a essere una cosa o l’altra. Il progetto Active Asteroids ha coinvolto volontari nella ricerca di dati archiviati del 2009 DQ118 per vedere se avesse mostrato qualche attività simile a quella di una cometa. Hanno trovato più di 20 immagini da marzo 2016 in cui un team del progetto ha scritto che mostrava chiari segni di una coda simile a quella di una cometa. Osservazioni successive con il telescopio Magellan Baade hanno rivelato che l’attività si ripeteva durante un avvicinamento al Sole quest’anno.

Il vero comportamento cometario è causato dal passaggio diretto dei ghiacci allo stato gassoso quando la loro temperatura supera il punto di fusione. Ci sono diverse spiegazioni per gli asteroidi attivi che possono apparire simili a comete. Una collisione tra due asteroidi può generare polvere che forma una nuvola simile a una cometa. Altri asteroidi ruotano così velocemente da superare la loro stessa gravità, lanciando materiale dalla loro superficie. Tuttavia, nessuna di queste spiegazioni sembra coerente con le osservazioni del 2009 DQ118. Potrebbe essere che si tratti effettivamente di una cometa travestita da asteroide? O potrebbe esserci qualche processo sconosciuto che rende gli asteroidi attivi? Il team di Active Asteroids raccomanda ulteriori indagini.

Il 2009 DQ118 non è un Hilda, ma un quasi-Hilda. Gli Hilda sono un gruppo di asteroidi e comete che si trovano tra la fascia principale degli asteroidi e i Troiani che condividono un’orbita con Giove. Hanno una risonanza orbitale 3:2 con Giove, il che significa che completano tre orbite nel tempo in cui Giove ne fa due. La potente gravità di Giove blocca un asteroide che entra in un’orbita del genere, quindi ne conosciamo 5.000 e senza dubbio ce ne sono molti altri. Tuttavia, il 2009 DQ118 non è un Hilda, ma un quasi-Hilda. Non sono copie pirata della popolare serie TV, ma oggetti temporaneamente influenzati in un’orbita di tipo Hilda, ma che possono anche essere scossi, simili alle quasi-lune della Terra.

Molte comete quasi-Hilda che si liberano temporaneamente dalla loro risonanza finiscono per schiantarsi su Giove, probabilmente incluso il più famoso impatto di cometa su Giove, Shoemaker-Levy 9. Tuttavia, distinguere una cometa da un asteroide a questa distanza può essere complicato e lo stato di molti quasi-Hilda è incerto. Una generalizzazione abbastanza vicina che persino la NASA utilizza nella divulgazione è che gli asteroidi sono rocciosi e le comete sono principalmente di ghiaccio. Tuttavia, è possibile che siano una miscela di entrambi e spesso categorizziamo gli oggetti prima di conoscere la loro composizione, utilizzando le loro orbite. Avvicinandosi al Sole, i ghiacci si trasformano in gas, producendo attività cometaria, compresa la familiare coda opposta al Sole, ma nelle vicinanze di Giove, la maggior parte dei ghiacci rimane congelata.

Gli asteroidi attivi rappresentano una piccola parte degli Hilda, ma il motivo per cui esistono è ancora un problema non spiegato e i quasi-Hilda potrebbero avere la chiave. I quasi-Hilda hanno orbite appena al di fuori del rapporto 3:2 con Giove. Le loro orbite possono essere simili a quelle degli Hilda per migliaia di anni, prima di uscire dalla risonanza. Fino ad ora, solo circa il 5% dei quasi-Hilda è stato trovato a mostrare attività simile a quella di una cometa, ma questo è comunque molto più alto rispetto agli Hilda veri o ad altri asteroidi. Inoltre, molte di queste scoperte sono recenti, il che suggerisce che potrebbero esserci molti altri asteroidi attivi nascosti tra i quasi-Hilda, ancora da scoprire.

L’esistenza di questi asteroidi attivi di qualsiasi classe indica che il sistema solare ha riserve di ghiacci volatili la cui distribuzione e origini non sono ben note. Un giorno, potrebbero persino essere una risorsa preziosa per le missioni di esplorazione spaziale. Active Asteroids è progettato per aiutare a scoprire più di questi oggetti. Si spera che i modelli di ciò che viene trovato possano spiegare da dove provengono tali oggetti. Lo studio è stato pubblicato su The Astrophysical Journal Letters.

Links:

L’articolo Gli asteroidi attivi: una nuova scoperta nel sistema solare sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top