Finalmente sappiamo come furono costruite le piramidi

I ricercatori hanno suggerito che un ramo “perduto da tempo” del Nilo in Egitto potrebbe spiegare la costruzione delle antiche piramidi.

In uno studio pubblicato sulla rivista Communications Earth & Environment , un team internazionale riferisce di aver identificato segmenti di un’importante sezione estinta del fiume che hanno chiamato Ramo di Ahrmat. Le prove di questo ramo ora giacciono sepolte sotto terreni agricoli e deserto, ma secondo lo studio, un tempo correva lungo il bordo orientale dell’altopiano del deserto occidentale (WSD), una parte del Sahara più ampio, appena a ovest del corso del Nilo moderno. Il percorso di 64 chilometri del Ramo di Ahrmat appena descritto sembra correre vicino a 31 piramidi che si trovano anch’esse lungo il bordo orientale dell’Altopiano. Questa catena, che rappresenta la più grande concentrazione di piramidi in Egitto, include l’iconico complesso di Giza. La catena piramidale, che si estende da Giza a nord fino a Lisht a sud, fu costruita nel corso di un millennio, a partire da circa 4.700 anni fa. Ma non sono emerse prove convincenti per spiegare perché queste piramidi siano concentrate in questa particolare area, lungo quella che oggi è una stretta striscia di deserto. Secondo gli autori dello studio, strutture monumentali, come piramidi e templi, verrebbero “logicamente” costruite vicino ai principali corsi d’acqua per facilitare il trasporto dei materiali da costruzione e dei lavoratori. Tuttavia, non è stato trovato alcun corso d’acqua vicino alle piramidi, poiché il moderno Nilo si trova a diverse miglia di distanza. Nell’ultimo studio, tuttavia, gli autori sostengono che le piramidi di questa catena fossero collegate al ramo di Ahrmat. “Suggeriamo che il ramo di Ahramat abbia avuto un ruolo nella costruzione dei monumenti e che fosse contemporaneamente attivo e utilizzato come via d’acqua per il trasporto di operai e materiali da costruzione verso i siti delle piramidi”, hanno scritto gli autori nello studio. Gli scienziati ritengono che un tempo il Nilo fosse suddiviso in molti più rami di quelli presenti oggi. In precedenza, i ricercatori avevano ipotizzato che uno di questi rami potesse aver attraversato la catena Giza-Lisht, ma mancavano prove concrete a sostegno di questa idea. “Dall’inizio dell’era faraonica, il fiume Nilo ha svolto un ruolo fondamentale nella rapida crescita ed espansione della civiltà egizia…. la maggior parte delle città e dei monumenti chiave si trovavano in prossimità delle rive del Nilo e dei suoi rami periferici”, hanno detto gli autori. “Col passare del tempo, tuttavia, il corso principale del fiume Nilo migrò lateralmente e i suoi rami periferici si insabbiarono, lasciando dietro di sé molti siti dell’antico Egitto distanti dall’attuale corso del fiume. Tuttavia, non è ancora chiaro dove esattamente gli antichi Furono individuati i corsi del Nilo e se i diversi tratti del Nilo avevano rami singoli o multipli che erano simultaneamente attivi in ​​passato.”

Finalmente sappiamo come furono costruite le piramidi

Nell’ultimo studio, il team internazionale, guidato da Eman Ghoneim dell’Università della Carolina del Nord Wilmington, ha studiato le immagini satellitari per trovare la possibile posizione di un ex ramo del Nilo. I ricercatori hanno poi utilizzato indagini geofisiche e carotaggi profondi del suolo per confermare la presenza di antichi sedimenti fluviali e di ex canali sotto la moderna superficie terrestre del bordo occidentale del WSD. Secondo il team, queste prove supportano l’esistenza del ramo Aharamat del Nilo, perduto da tempo. (La parola “Ahramat” significa “piramide” in arabo.) Questa scoperta potrebbe aiutare a spiegare la posizione delle piramidi lungo il bordo orientale del WSD, dato che i siti dei monumenti sarebbero stati facilmente accessibili tramite il ramo al momento della loro costruzione.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che molte delle piramidi avevano strade rialzate che terminavano sulle sponde del fiume proposte del ramo di Ahramat, indicando che il fiume potrebbe essere stato utilizzato per trasportare materiali da costruzione ai siti. “L’enormità di questo ramo e la sua vicinanza ai complessi piramidali, oltre al fatto che le strade rialzate delle piramidi terminano sulla riva del fiume, implicano che questo ramo fosse attivo e operativo durante la fase di costruzione di queste piramidi”, hanno scritto gli autori. . “Questo corso d’acqua avrebbe collegato luoghi importanti dell’antico Egitto, comprese città e paesi, e quindi avrebbe svolto un ruolo importante nel panorama culturale della regione.” Nello studio, gli autori suggeriscono che un maggiore accumulo di sabbia portata dal vento, legato a una grave siccità iniziata circa 4.200 anni fa, potrebbe aver avuto un ruolo nella scomparsa del ramo.

L’articolo Finalmente sappiamo come furono costruite le piramidi sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top