Esplorazione robotica nel reattore di Fukushima: sfide e progressi

Esplorazione robotica nel reattore di Fukushima: sfide e progressi
Vista a volo d’uccello del robot a forma di serpente che si affaccia sul reattore 1 (TEPCO)

Un robot simile a un serpente e mini droni si sono avventurati all’interno del reattore irradiato della centrale nucleare di Fukushima Daiichi in Giappone. Le nuove immagini mostrano che le operazioni di pulizia devono ancora fare molta strada, 13 anni dopo la catastrofica fusione nucleare.

Tokyo Electric Power Company Holdings (TEPCO), l’azienda di servizi elettrici che ha gestito l’impianto e gestisce il suo programma di disattivazione, ha effettuato la sua ultima indagine interna del reattore dell’Unità 1 di Fukushima nel marzo 2024. Questa unità è stata l’epicentro del disastro quando è andata in fusione l’11 marzo 2011, a seguito di un terremoto seguito da uno tsunami che ha interrotto l’alimentazione alle pompe di emergenza, causando una fusione completa del nocciolo del reattore e il rilascio di pericolose radiazioni nell’ambiente circostante.

Nel loro ultimo sforzo per ripulire l’area, TEPCO ha inviato sonde robotiche nelle viscere di questo reattore per esaminare il nocciolo e il suo combustibile nucleare fuso. L’obiettivo è comprendere lo stato del combustibile esaurito per facilitarne la rimozione e procedere con la disattivazione dell’impianto. È la prima volta che sono riusciti a tornare con immagini dall’interno del piedistallo del reattore dell’Unità 1.

Strutture fuso-arancio all'interno dell'Unità 1 della centrale nucleare di Fukushima
TEPCO sta ancora cercando di identificare le strutture fuso-arancio, ma è probabile che si tratti di combustibile o attrezzature fuse.
TEPCO

All’interno dell’Unità 1, i robot hanno catturato immagini di aderenze simili a stalattiti e oggetti simili a grumi che pendono dai muri del reattore, probabilmente il risultato del combustibile o dell’attrezzatura fusi durante la fusione super calda, solidificatisi e fissatisi durante il raffreddamento successivo.

I robot hanno scattato immagini all'interno del reattore 1 di Fukushima
Un’altra occhiata all’interno dell’Unità 1.
TEPCO

Un funzionario di TEPCO ha dichiarato in una conferenza stampa il 18 marzo, secondo The Asahi Shimbun, che “sono state ottenute informazioni molto utili”. Ma l’Unità 1 non è l’unica parte di Fukushima che necessita di pulizia, poiché fusioni si sono verificate anche nei reattori Unità 2 e Unità 3, e l’Unità 4 è stata danneggiata da un’esplosione dell’Unità 3, sebbene non ci fosse combustibile nel reattore al momento.

Si stima che i tre reattori interessati contengano un totale stimato di 880 tonnellate di detriti di combustibile fuso, che TEPCO spera di rimuovere durante i loro sforzi di disattivazione. La disattivazione della centrale nucleare di Fukushima Daiichi ha fatto progressi, con il piano controverso di scaricare acqua trattata dal disastro nucleare nell’Oceano Pacifico nel 2023, segnando un traguardo significativo nella sua pulizia.

Tuttavia, ci sono stati numerosi contrattempi lungo il percorso. Nel 2017, le rovine di Fukushima sono state soprannominate un “cimitero dei robot” a causa del numero di sonde telecomandate che si sono rotte all’interno dell’impianto irradiato. TEPCO ha dichiarato che la completa disattivazione dell’impianto richiederà “30-40 anni”, ma i critici sostengono che questo sia ottimisticamente ingenuo.

Links:

L’articolo Esplorazione robotica nel reattore di Fukushima: sfide e progressi sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top