Esperti hanno scoperto un misterioso manoscritto risalente a 1.000 anni fa

Sono stati scoperti frammenti di un manoscritto perduto di quasi 1.000 anni fa, che potrebbe essere appartenuto a una principessa fuggita dall’Inghilterra dopo che il paese fu conquistato dai Normanni nell’XI secolo.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Anglo-Saxon England, il ricercatore Thijs Porck ha identificato 21 frammenti del manoscritto, che sono stati trovati in un archivio nella città di Alkmaar, nei Paesi Bassi . Nello studio Porck, dell’Università di Leiden, descrive le scoperte analizzandone anche la provenienza e il testo in esse contenuto. Curiosamente, i frammenti di pergamena sono stati trovati all’interno della rilegatura di un dizionario greco in quattro volumi. Erano stati usati per rinforzare la rilegatura del lavoro accademico, che fu rilegato in un laboratorio olandese intorno al 1600 d.C., ha dimostrato la ricerca di Porck. Nel XVI e XVII secolo, i rilegatori a volte usavano la pergamena per rafforzare le rilegature dei libri. Poiché questo materiale era costoso, le persone spesso sceglievano di tagliare vecchi manoscritti del primo periodo medievale. La scoperta dei frammenti del manoscritto è stata in gran parte “accidentale”, ha detto Porck, professore associato di inglese medievale . Il personale dell’Archivio regionale di Alkmaar gli aveva inviato le immagini dei frammenti, che avevano scoperto durante un’indagine sulle rilegature di libri della prima età moderna nella loro collezione che presenta pergamena medievale. “Il giorno successivo sono andato all’archivio e sono stato molto felice di vedere che non si trattava di un solo frammento ma di 21 frammenti. Quello è stato l’inizio di un affascinante viaggio di ricerca che ha richiesto più di un anno e mezzo per essere completato”, ha detto Porck. . I frammenti trovati nell’archivio di Alkmaar provengono da un manoscritto in lingua latina che contiene ulteriori annotazioni scritte in inglese antico. Queste annotazioni, note come “glosse”, si trovano spesso nei testi medievali, inserite tra le righe o ai margini del testo principale, principalmente per spiegare parole straniere o difficili. L’inglese antico, o anglosassone, è una lingua germanica occidentale parlata in Gran Bretagna tra il 500 e il 1100 d.C. circa. La prima forma registrata della lingua inglese, è molto simile al tedesco, al frisone e all’olandese. Nei frammenti del manoscritto di Alkmaar, che provengono da un Salterio (un volume contenente il libro biblico dei Salmi), l’inglese antico è scritto sopra ogni parola latina per aiutare a spiegare il testo. Probabilmente aveva uno scopo didattico: qualsiasi lettore del Salterio avrebbe potuto usarlo per imparare il latino. Porck riuscì, sulla base della sua scrittura, a datare i 21 frammenti al 1050-1075. “La glossa interlineare dell’inglese antico lo rende una scoperta molto interessante perché è relativamente raro trovare materiali in questa lingua”, ha detto Porck. “Ho potuto ricostruire alcuni fogli del Salterio e, una volta completato, doveva essere un libro bello e lussuoso.” E continua: “Ciò che ha reso questo ritrovamento ancora più interessante è stato il fatto che, sulla base della scrittura, della lingua, delle dimensioni e del contenuto, questi frammenti potevano essere collegati ad altri rinvenuti in tutta Europa: a Cambridge, Inghilterra; Haarlem, Paesi Bassi; Sondershausen , Germania; ed Elbląg, Polonia. Questi frammenti, sparsi in tutta Europa, un tempo facevano parte dello stesso manoscritto.” Porck stabilì che molti di questi frammenti provenivano da libri acquistati e rilegati nella città olandese di Leida intorno al 1600. Ma come fece un rilegatore olandese del 1600 a possedere un manoscritto inglese dell’XI secolo? È noto che intorno alla metà del XVI secolo, i manoscritti dall’Inghilterra furono spediti in grandi quantità nel continente europeo – quando i beni dei monasteri inglesi furono confiscati – in modo che potessero essere riutilizzati dai rilegatori e dai fabbricanti di sapone. Una possibilità è che il manoscritto dell’XI secolo fosse uno di questi. Ma Porck propone anche un’altra idea.

Esperti hanno scoperto un misterioso manoscritto risalente a 1.000 anni fa

La seconda ipotesi suggerisce che il manoscritto rappresenti un Salterio perduto da tempo appartenuto a una principessa inglese chiamata Gunhild che fuggì dal suo paese nel continente dopo la conquista normanna, iniziata nel 1066. Gunhild era la sorella del re inglese sconfitto Harold Godwinson, che fu ucciso nella battaglia di Hastings quell’anno. Gunhild morì a Bruges, in Belgio, nel 1087, con il suo Salterio e altri beni donati alla chiesa cattolica di San Donato della città. L’ultima menzione documentata del manoscritto presso la chiesa risale al 1561, con un testo di quell’anno che lo descrive come il Salterio Gunhild, scritto in latino, “ma con spiegazioni in lingua sassone, che nessuno qui può capire del tutto”. Da allora non c’è più traccia o menzione del Salterio. Ma Porck riuscì a stabilire che i libri della chiesa furono confiscati dai calvinisti, seguaci di una delle principali denominazioni del protestantesimo, nell’anno 1580. I calvinisti fondarono una biblioteca pubblica con i libri che ritenevano utili, ma quelli ritenuti non necessari venivano venduti. Un Salterio cattolico con glosse incomprensibili, come la copia di Gunhild, sarebbe probabilmente appartenuto a quest’ultima categoria. “Forse è così che il Salterio di Gunhild finì nel laboratorio di un rilegatore di Leiden nel 1600, e i frammenti che sono stati ora scoperti ad Alkmaar potrebbero essere stati parte della sua copia personale dei Salmi”, ha detto Porck.

L’articolo Esperti hanno scoperto un misterioso manoscritto risalente a 1.000 anni fa sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top