Eruzioni vulcaniche in Islanda: la potenza del magma sotto i nostri piedi

Eruzioni vulcaniche in Islanda: la potenza del magma sotto i nostri piedi
Le fontane di lava durante l’eruzione di gennaio (Immagine cortesia della Guardia Costiera Islandese)

In poche settimane, la regione circostante la città di Grindavik è passata dall’esperienza di una regolare attività sismica a tre eruzioni vulcaniche, l’ultima delle quali è avvenuta proprio ieri. La città è stata evacuata lo scorso novembre a causa dell’aumento del numero e dell’intensità dei terremoti. Gli scienziati hanno potuto constatare che si stava formando sottoterra una massiccia fessura di magma e nuove analisi mostrano quanto potenti possano essere le forze sotto i nostri piedi.

Si stima che la fessura di magma avesse una lunghezza di 15 chilometri (9,3 miglia), crepando il terreno sotto la città e minacciando persino la famosa Laguna Blu, una spa geotermica all’aperto e una importante meta turistica. La fessura è stata vista allungarsi e sollevarsi e i ricercatori hanno ora stabilito il flusso di magma nella fessura. Non era solo veloce – lo chiamano ultra-veloce.

Hanno stimato che il tasso di flusso fosse di 7.400 metri cubi al secondo (261.328,5 piedi cubi al secondo). Questo significa tre piscine olimpiche ogni secondo, o il calcestruzzo dell’intera diga delle Tre Gole ogni ora. È un tasso di flusso incredibile. Certamente non si è verificato di recente. Dal 2021, ci sono state tre eruzioni nella penisola di Reykjanes, dove si trova Grindavik. Il tasso di flusso di magma per quelle eruzioni era 30 volte inferiore rispetto a quello che è stato osservato questa volta.

Dal primo eruzione avvenuta a dicembre, gli scienziati erano preoccupati che il nuovo sistema vulcanico sarebbe stato più grande dei tre precedenti combinati – e si sta dimostrando che avevano ragione. L’eruzione di gennaio ha raggiunto la città di Grindavik, da tempo evacuata. La nuova eruzione è iniziata alle 5:30 del mattino dell’8 febbraio, in una posizione simile all’eruzione del 18 dicembre, quindi più lontana da Grindavik.

Sono state osservate fontane di lava alte da 50 a 80 metri (165 a 260 piedi) con una colonna che raggiunge un’altitudine di 3 chilometri (leggermente meno di 2 miglia). L’Ufficio Meteorologico Islandese ha segnalato la formazione di cadute di tefra su Grindavik. La tefra è un materiale schiumoso che si forma quando la lava si raffredda rapidamente. L’attività dell’eruzione si sta attenuando e viene paragonata a quella osservata a dicembre.

“Una vistosa colonna scura si alza da una parte della fessura eruttiva. Questo è probabilmente dovuto all’interazione del magma con le acque sotterranee, che provoca una lieve attività esplosiva in cui la colonna bianca di vapore si mescola con la colonna vulcanica scura”, ha riferito il personale dell’Ufficio Meteorologico Islandese. “Sembra che la tefra non si sposti lontano dalla fessura eruttiva al momento. La colonna vulcanica si disperde verso sud-ovest.”

L’articolo che descrive il movimento del magma è stato pubblicato sulla rivista Science.

L’articolo Eruzioni vulcaniche in Islanda: la potenza del magma sotto i nostri piedi sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top