Distruggere le bombe nucleari con un fascio di neutrini ad altissima energia

Distruggere le bombe nucleari con un fascio di neutrini ad altissima energia
L’idea è quella di causare una più piccola “esplosione sibilante”. (somsak nitimongkolchai/shutterstock.com)

Dalla creazione delle armi nucleari, viviamo in un mondo in cui una guerra totale potrebbe distruggere l’umanità molte volte. Studi hanno dimostrato che solo 100 o più testate nucleari potrebbero far precipitare il mondo in un inverno nucleare, che potrebbe causare fino a 1 miliardo di morti. Nel 2023, si stima che ci siano circa 12.500 testate nucleari.

Ma cosa succederebbe se ci fosse un modo per individuare queste armi e distruggerle, da lontano, senza che nessuno sappia cosa sta accadendo? 

Questa è la sceneggiatura futuristica dipinta da un articolo pre-print intitolato, in modo piuttosto drammatico, “Distruggere le bombe nucleari utilizzando un fascio di neutrini ad altissima energia”.

“La nostra idea di base è utilizzare un fascio di neutrini ad altissima energia che penetra la terra e interagisce a pochi metri da una potenziale arma nucleare nascosta”, spiega il team nel loro articolo, che deve ancora essere sottoposto a revisione paritaria. 

“L’energia appropriata si rivela essere di circa 1.000 TeV. Questa è l’energia in cui il cammino libero medio dei neutrini diventa approssimativamente uguale al diametro della terra. Il fascio di neutrini produce una cascata di adroni e la cascata colpisce il plutonio o l’uranio nella bomba e provoca reazioni di fissione. Queste reazioni riscaldano la bomba e la fondono o fanno innescare le reazioni nucleari se gli esplosivi circondano già il plutonio.”

Il fascio sarebbe utilizzato per causare una “esplosione controllata”. Al momento della stesura – nel 2003 – il team credeva di poter causare un’esplosione controllata pari al 3 percento della potenza dell’arma, ma ciò dovrebbe essere ridotto per disarmare le bombe in modo sicuro. Troppa energia potrebbe portare a un’esplosione completa, che è ciò che stiamo cercando di evitare.

Anche se distruggere le bombe nucleari è un’idea interessante, dovremmo anche essere in grado di individuarle. Il team ritiene che un fascio di neutrini con meno energia, in combinazione con rilevatori, potrebbe essere utilizzato per individuare le bombe nucleari, rendendo il problema molto più semplice. Il team ha proposto che i neutrini potrebbero essere utilizzati per studiare le strutture interne della Terra, allo stesso modo in cui utilizziamo la tomografia sismica ma senza il fastidio di dover aspettare i terremoti.

Quindi, quali sarebbero gli svantaggi di una tale tecnologia? Uno ovvio, riconosciuto nell’articolo, è che l’uso dell’arma non sarebbe limitato alle armi nucleari.

“Siamo certamente consapevoli del fatto che questo tipo di dispositivo può mirare non solo alle bombe nucleari”, scrivono, “ma anche ad altri tipi di armi di distruzione di massa e, sfortunatamente, a qualsiasi tipo di oggetto vivente, compresi gli esseri umani.”

Il team credeva che la dose di radiazioni sarebbe così bassa da non rendere pratico mirare alle persone, o a un gruppo di persone, in questo modo. Inoltre, la tecnologia – ancora al di fuori della nostra portata attuale – sarebbe così costosa da richiedere la collaborazione di più paesi per costruirla.

“Ci opponiamo fermamente alla preoccupazione infondata che questo tipo di dispositivo, anche nella sua versione ridotta, possa essere utilizzato da certe organizzazioni irresponsabili come arma di distruzione di massa”, ha concluso il team. “Al contrario, speriamo sinceramente che la nostra proposta possa motivare e stimolare il revival dell’antica idea di ‘Governo Mondiale’, che finora è stata scartata come irrealistica.”

L’articolo è pubblicato sul server pre-print arXiv.

L’articolo Distruggere le bombe nucleari con un fascio di neutrini ad altissima energia sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top