Depressione e temperatura corporea: un intrigante collegamento

Depressione e temperatura corporea: un intrigante collegamento
È un altro pezzo del puzzle mentre lavoriamo per migliorare la nostra comprensione della condizione. (hikrcn/Shutterstock.com)

I dati di oltre 20.000 persone hanno rivelato un intrigante collegamento tra depressione e temperatura corporea – nello specifico, coloro con depressione hanno registrato temperature leggermente più alte. Sebbene ci siano ancora domande da rispondere, la ricerca solleva la possibilità di introdurre trattamenti basati sul calore nella cura della salute mentale in futuro.

Lo studio è durato sette mesi, iniziando all’inizio del 2020, e ha coinvolto volontari provenienti da 106 paesi. I partecipanti hanno monitorato i loro dati di temperatura corporea utilizzando un anello intelligente indossabile chiamato Oura, un tracker fitness disponibile commercialmente. Lo scopo principale dello studio, chiamato TemPredict, era valutare se il monitoraggio della temperatura potesse essere un mezzo utile per la diagnosi precoce di COVID-19, risultati che sono stati riportati nel 2022.

Oltre a registrare la loro temperatura corporea una volta al giorno, i partecipanti hanno completato un sondaggio mensile che includeva un questionario diagnostico sui sintomi della depressione.

L’esplorazione dei dati ha ora rivelato che coloro con livelli più elevati di gravità dei sintomi della depressione tendevano ad avere letture di temperatura corporea più alte. C’era anche una tendenza verso una depressione più grave nelle persone la cui temperatura corporea rimaneva più stabile nel corso di 24 ore, ma questo risultato non era statisticamente significativo.

Temperature corporea media autodichiarata (A) e valutata dal dispositivo indossabile (B) in base ai punteggi dei sintomi di depressione (il rosso indica i sintomi di depressione più gravi).
Mason et al., Scientific Reports, 2024 (CC BY 4.0)

Non è la prima volta che depressione e temperatura corporea sono state collegate, sebbene in modo tentativo, ma capire la causa di alcune delle differenze osservate si è rivelato più difficile. Sebbene questo ampio studio aiuti senza dubbio ad aggiungere altri pezzi al puzzle, non è ancora possibile dire con certezza se la depressione aumenta la temperatura corporea o se una temperatura corporea superiore alla media è un fattore di rischio per la depressione.

Non sappiamo nemmeno se le temperature più alte registrate nelle persone depresse siano dovute al fatto che i loro corpi generano più calore del solito o perché la loro capacità di regolare la temperatura è compromessa.

È questo che interessa esplorare ulteriormente all’autore principale dello studio, Ashley Mason, professore associato di psichiatria presso l’Istituto Weill per le neuroscienze dell’Università della California, San Francisco. Un piccolo corpo di prove suggerisce un potenziale beneficio per il trattamento basato sul calore per la depressione, come saune o yoga caldo. Potrebbe essere che aumentare artificialmente la temperatura di qualcuno avvii il corpo a innescare meccanismi di auto-raffreddamento, come il sudore.

“Ironicamente, riscaldare le persone può effettivamente portare a una riduzione della temperatura corporea che dura più a lungo rispetto al semplice raffreddamento diretto, come attraverso un bagno di ghiaccio”, ha spiegato Mason in una dichiarazione. “E se potessimo monitorare la temperatura corporea delle persone con depressione per programmare bene i trattamenti basati sul calore?”

La depressione è un problema comune, con una stima di uno su cinque adulti negli Stati Uniti che ha ricevuto una diagnosi della condizione. Di conseguenza, l’uso di farmaci antidepressivi ha raggiunto livelli record in alcune regioni, ma questi non sono efficaci per tutti e possono comportare effetti collaterali preoccupanti.

La ricerca scientifica per sviluppare nuovi e migliori trattamenti per la depressione è in corso, comprendendo la ricerca sui composti psichedelici, farmaci come la ketamina e terapie alternative come la privazione sensoriale. Forse, suggeriscono gli autori, i trattamenti termici potrebbero un giorno far parte di quel pacchetto.

“Secondo le nostre conoscenze, questo è lo studio più ampio finora per esaminare l’associazione tra temperatura corporea – valutata utilizzando sia metodi di autovalutazione che sensori indossabili – e sintomi depressivi in un campione geograficamente ampio”, ha detto Mason.

“Date le crescenti percentuali di depressione negli Stati Uniti, siamo entusiasti delle possibilità di una nuova strada per il trattamento.”

Lo studio è stato pubblicato su Scientific Reports.

L’articolo Depressione e temperatura corporea: un intrigante collegamento sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top