Scopri l'offerta Prime!

Decifrata iscrizione su un bizzarro manufatto rinvenuto in Spagna

Gli esperti hanno decodificato i simboli su una mano di bronzo risalente a 2.100 anni fa rinvenuta in Spagna.

Un team di esperti ha decodificato simboli curiosi su una mano di bronzo di 2.100 anni che è stata scoperta in Spagna. I simboli rappresentano il “primo” testo mai scoperto scritto in lingua basca. Finora non si conoscevano le origini dell’antica lingua euskera o basca, parlata in Navarra e nei Paesi Baschi , nel nord della Spagna e nel sud-ovest della Francia. Tuttavia, un team di archeologi ha portato alla luce la “Mano di Irulegi” in bronzo nel castello di Irulegui, a sud di Pamplona, ​​in Navarra, in Spagna. Con la forma distintiva di una mano destra estesa, questo manufatto di 2000 anni ha 40 simboli misteriosi che comprendono quattro righe di testo scolpite sul dorso della mano.

Ora, un esperto linguistico ha decifrato la prima parola e ha confermato che questo è il “primo” documento scritto in basco circa 2.100 anni fa. Tra l’80 e il 72 a.C., i ribelli romani combatterono le forze governative romane nella guerra civile sertoriana nella penisola iberica . I ribelli si ritirarono nel castello di Irulegui sul monte Irulegui, nella regione settentrionale della Navarra in Spagna, ma il generale romano Pompeo lo rase al suolo. Nel 2018 gli archeologi hanno scavato la collina del castello e hanno scoperto i resti di un forte e di un insediamento di 2000 anni che misurano circa 70 metri quadrati. Gli esperti hanno trovato molti manufatti che raccontano la storia della vita quotidiana al castello e hanno affermato che ha svolto un ruolo significativo su scala locale e regionale. Tuttavia, tutto è cambiato quando la mano di bronzo è stata scoperta sotto carbone e resti di adobe bruciato. Nel I secolo d.C. gli scrittori romani Plinio il Vecchio e Claudio Tolomeo registrarono entrambi il popolo Vascones che abitava l’attuale Navarra. Oggi i Vascones sono considerati gli antenati degli odierni Baschi. Il sito del castello di Irulegui controllava i terreni agricoli circostanti nell’età del bronzo , tra il XV e l’XI secolo a.C., e fu distrutto dai romani nel I secolo a.C. La mano di Irulegui misura 14,5 centimetri di lunghezza e ha 40 simboli contrassegnati su quattro linee, che si sospetta rappresentino 5 singole parole. Secondo il quotidiano spagnolo El Pais , Javier Velaza, professore di filologia latina all’Università di Barcellona e massimo esperto di iscrizioni preromane, è rimasto “stupefatto” quando ha iniziato ad analizzare la mano. Fino alla scoperta di questa mano di bronzo si sapeva poco della cultura Vascones poiché solo poche monete erano state portate alla luce, ed è per questo che Velaza ha detto che la Mano di Irulegi inscritta rappresenta “una novità eccezionale”.Velaza notò che la prima parola ” sorioneku” era molto simile alla parola basca ” zorioneko”, che significa ” zori” (fortuna) e “on” (buono). Pertanto, la prima parola significa “buona fortuna o buon auspicio”. Le restanti quattro parole si stanno rivelando più difficili da tradurre, ma il ricercatore ritiene che probabilmente si riferiscano a divinità basche sconosciute o a luoghi in cui si venerava; siti sacri in tutte le montagne dei Pirenei tra cui cime montuose, grotte, sorgenti e pozzi. Secondo gli esperti la regione della Navarra era stata “fortemente legata alla stregoneria per centinaia di anni ed era probabilmente il luogo di molte antiche cerimonie sacrificali”. Quando esattamente i Vascones iniziarono a usare questa sconosciuta scrittura iberica non è noto, ma fino ad ora gli archeologi credevano che non usassero nemmeno un sistema di scrittura. Velaza ha concluso che La mano di Irulegui rappresenta “il primo documento senza dubbio scritto in lingua basca”, dimostrando che stavano usando questa lingua nel I secolo a.C.

L’articolo Decifrata iscrizione su un bizzarro manufatto rinvenuto in Spagna sembra essere il primo su Scienze Notizie.