Crollo del Ponte Francis Scott Key: Analisi e Implicazioni

Crollo del Ponte Francis Scott Key: Analisi e Implicazioni
Il ponte Francis Scott Key di Baltimora nel 2022. (StockPerfect/Shutterstock.com)

Il ponte Francis Scott Key di Baltimora è crollato alle 01:27 del mattino EDT (05:27 UTC) del 26 marzo, in seguito alla collisione della nave portacontainer con bandiera di Singapore Dali con uno dei pilastri della struttura. Questo impatto ha causato un crollo catastrofico dell’intero ponte, che collegava le due sponde del fiume Patapsco. Al momento dell’incidente, diversi operai si trovavano sul ponte, e il Dipartimento dei Vigili del Fuoco della Città di Baltimora ha confermato che almeno sette veicoli sono precipitati in acqua. Al momento attuale, il numero esatto delle vittime non è ancora stato confermato.

Il ponte, dedicato all’autore di “The Star Spangled Banner”, era il terzo ponte a traliccio continuo più lungo al mondo, con una campata di 366 metri (1.200 piedi). I ponti a traliccio continuo, risalenti al XIX secolo, presentano caratteristiche distintive e vantaggi specifici rispetto ad altre tipologie di ponti, come ad esempio i ponti a sbalzo.

I ponti a traliccio sono costituiti da una sovrastruttura di tralicci, unità generalmente triangolari che consentono la distribuzione e la dispersione della tensione, compressione e stress che un ponte deve sopportare. Nel caso dei ponti a traliccio continuo, la sovrastruttura si estende senza interruzioni su tre o più supporti, garantendo una maggiore stabilità strutturale.

Una diretta dal porto di Baltimora ha documentato il crollo del ponte, mostrando chiaramente come il supporto colpito dall’oggetto ad alta energia abbia causato il cedimento della struttura. L’ingegnere strutturale Ian Firth ha spiegato che il supporto, una struttura a cavalletto con gambe individuali, è risultato essere relativamente fragile di fronte all’impatto violento subito.

I ponti a traliccio continuo sono noti per la loro statica indeterminata, il che significa che, anche conoscendo tutte le forze e i momenti in gioco, non è sempre possibile determinare con precisione le reazioni interne della struttura. L’utilizzo dei computer è stato fondamentale per migliorare la progettazione di questi ponti, permettendo di calcolare con maggiore precisione gli stress a cui sono sottoposti.

Si tratta di una vicenda in costante evoluzione, che continua a suscitare interesse e approfondimenti nel campo dell’ingegneria strutturale e della sicurezza delle infrastrutture.

Links:

L’articolo Crollo del Ponte Francis Scott Key: Analisi e Implicazioni sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top