Comunicazioni ancestrali nel Canyon di Chaco

Comunicazioni ancestrali nel Canyon di Chaco
Le conchiglie sono state raccolte a 1.000 chilometri di distanza. (Javardh/Unsplash.com)

Prima che i governi avessero la possibilità di inviare notifiche ai cittadini tramite smartphone, gli abitanti pre-ispanici del Canyon di Chaco nel Nuovo Messico utilizzavano trombe di conchiglia per diffondere comunicazioni a livello di popolazione. Secondo una recente ricerca, sembra che gli antichi Chacoani abbiano progettato i loro insediamenti in modo che il suono delle conchiglie potesse essere udito da tutti.

Intorno all’850-1150 d.C., il Canyon di Chaco rappresentava il centro culturale dei popoli Pueblo che abitavano il sud-ovest degli Stati Uniti. Le strutture principali di questo periodo, conosciute come “grandi case”, erano circondate da piccoli siti domestici sparsi nel paesaggio circostante.

Gli archeologi che hanno esplorato il canyon in passato hanno trovato trombe di conchiglia all’interno di tombe di élite, nonostante la fonte più vicina di queste conchiglie fosse a circa 1.000 chilometri a sud-ovest, lungo la costa del Pacifico.

Secondo gli autori di uno studio recente, le conchiglie avrebbero permesso ai portatori, probabilmente leader comunitari, di emettere un suono molto forte. Ancora oggi, i discendenti dei Puebloani utilizzano trombe simili durante rituali, suggerendo che le conchiglie potessero avere un ruolo significativo nella vita Chacoana.

Per esplorare questa ipotesi, i ricercatori hanno creato modelli digitali del raggio di azione del suono prodotto da una tromba di conchiglia soffiata dalle grandi case di cinque insediamenti Chacoani diversi. I risultati hanno mostrato che il suono si diffondeva in modo ottimale fino ai siti domestici circostanti, suggerendo che gli abitanti del Canyon di Chaco organizzassero i loro villaggi in modo che le autorità potessero comunicare con tutti i residenti semplicemente soffiando nelle conchiglie.

Secondo gli autori, se i leader dovevano comunicare rapidamente con tutti i residenti, il suono delle conchiglie era più efficace rispetto ad altri metodi come segnali visivi. Le trombe potrebbero essere state utilizzate per annunciare attività comuni come cerimonie religiose, simile al suono di una campana di chiesa che chiama i fedeli alla messa, come spiegato dalla professoressa Ruth Van Dyke, autrice dello studio.

I ricercatori ritengono che il raggio acustico delle trombe di conchiglia potesse contribuire alla coesione delle comunità Chacoane. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Antiquity.

Links:

L’articolo Comunicazioni ancestrali nel Canyon di Chaco sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top