Comunicazione non verbale: il legame tra psicopatia e movimento della testa

Comunicazione non verbale: il legame tra psicopatia e movimento della testa
Alcuni psicopatici potrebbero anche sbattere le palpebre a scatti. (Benoit Daoust/Shutterstock.com)

Una recente ricerca ha rivelato che le persone con alti livelli di tratti di personalità psicopatica potrebbero muovere meno la testa durante la conversazione rispetto a coloro con gradi inferiori di psicopatia. Questo sottile modello di comunicazione non verbale è stato identificato nei psicopatici maschi e sembra applicarsi anche alle donne.

La psicopatia è caratterizzata da deficit affettivi come insensibilità e mancanza di rimorso, oltre a comportamenti disfunzionali come menzogna patologica e manipolazione. L’impulsività e l’irresponsabilità eccessive sono spesso dimostrate da individui con questa personalità, anche se possono nascondere queste caratteristiche antisociali.

Studi precedenti hanno individuato segnali nel linguaggio del corpo dei psicopatici. Ad esempio, gli uomini con alti livelli di psicopatia tendono a fare più gesti con le mani rispetto a quelli con punteggi più bassi, mentre brevi sbadigli sono stati collegati alla condizione. Il ridotto movimento della testa durante i colloqui è stato identificato come un possibile segnale per gli uomini psicopatici, ma sono stati condotti pochi studi sulle donne.

Per colmare questa lacuna, gli autori dello studio hanno filmato colloqui clinici con 213 donne detenute, somministrando loro un questionario sulla psicopatia per valutare il grado di aderenza ai criteri diagnostici. Un algoritmo di rilevamento automatico ha monitorato il movimento della testa di ogni donna in ogni fotogramma del video.

Le donne con punteggi più alti di psicopatia tendevano a mantenere la testa più ferma rispetto a quelle con punteggi più bassi. In media, i partecipanti hanno trascorso il 40% del colloquio con la testa entro un range di movimento moderato lontano dalla sua posizione media. Tuttavia, le donne psicopatiche hanno mantenuto la testa entro un range di movimento minimo lontano dalla sua posizione media per la maggior parte del colloquio.

Il tempo trascorso con la testa entro il range minimo è stato correlato positivamente con i punteggi di psicopatia, mentre il tempo trascorso nel range moderato era associato negativamente alla condizione. Gli autori dello studio affermano che questi risultati identificano un modello unico di dinamiche della testa caratteristico delle donne con punteggi elevati di psicopatia, mostrando una posizione più ferma durante il colloquio clinico.

Notando la difficoltà nel individuare un psicopatico solo attraverso il comportamento, i ricercatori spiegano che prestare attenzione ai segnali non verbali potrebbe essere particolarmente importante nello studio di comportamenti ingannevoli. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Personality and Individual Differences.

Links:

L’articolo Comunicazione non verbale: il legame tra psicopatia e movimento della testa sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top