Comunicazione animale: il segreto dell’alternanza nei pesci Betta

Comunicazione animale: il segreto dell’alternanza nei pesci Betta
Aspetta il tuo turno o meglio affrontare le conseguenze. (Digital Art StudioTH/Shutterstock.com)

Alternarsi nel comunicare non è solo una pratica tipica degli esseri umani durante una conversazione educata, ma anche molti altri animali evitano di sovrapporsi. Tuttavia, non tutti gli animali parlano, quindi come fanno quelli che sembrano comunque alternarsi a sapere quando farlo?

Uno studio recente ha esaminato il confronto aggressivo dei pesci combattenti siamesi, noti come Betta splendens, per offrire alcune risposte potenziali sul ruolo dei segnali visivi. La fase di esposizione, in cui i pesci si alternano nel gonfiare le branchie, è stata analizzata come una sorta di danza in cui uno cerca di intimidire l’altro, portando qualcuno a scappare o a iniziare una lotta.

I ricercatori hanno osservato i betta esposti ad altri betta reali o a animazioni dall’aspetto naturale proiettate su uno schermo accanto all’acquario, sviluppate utilizzando fotografie e tracciamento del movimento di un vero maschio betta. Sebbene a volte i betta agitati non aspettino sempre il loro turno per gonfiare le branchie, di solito lo fanno e i segnali per farlo coinvolgono velocità e orientamento.

Primo piano di un pesce combattente siamese multicolore (betta) che spalanca le branchie, isolato su sfondo nero.
Un betta brontolone che spalanca le branchie.
I Putu Krisna Wiranata/Shutterstock.com

Il team ha scoperto che il betta preferiva gonfiare le branchie di fronte a un pesce animato quando la ricreazione virtuale era vicina alla superficie dell’acqua e si girava di lato, suggerendo che l’orientamento agisca come segnale. Sorprendentemente, sembra che un pesce non debba vedere l’altro pesce gonfiare le branchie per sapere di dover aspettare il proprio turno.

Secondo uno degli autori dello studio, Andres Bendesky, i cambiamenti di orientamento e velocità sono sufficienti per indicare al vero avversario di aspettare il proprio turno. Il gonfiare delle branchie è importante per mantenere i pesci coinvolti nella comunicazione aggressiva per più tempo, anche se non è essenziale per l’alternanza stessa.

I ricercatori hanno identificato una parte del cervello di un betta, chiamata telencefalo dorsomediale, che sembra svolgere un ruolo in questo coinvolgimento ed è omologa alla nostra amigdala.

Esistono molti altri animali che mostrano comportamenti di alternanza. Una revisione del 2018 ha coperto una vasta gamma di essi, inclusi insetti che alternano vibrazioni come le cicale e bioluminescenza, fino ai grandi primati che usano suoni e gesti. Gli scienziati sperano che ricerche come queste sull’alternanza possano aiutare a comprendere come si è evoluta la comunicazione, anche per quanto riguarda il linguaggio umano.

La bozza dello studio è stata pubblicata su bioRxiv e offre interessanti spunti per approfondire il mondo della comunicazione animale e le sue implicazioni evolutive.

Links:

L’articolo Comunicazione animale: il segreto dell’alternanza nei pesci Betta sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top