Come le foreste degli Stati Uniti orientali si sono riprese e hanno contribuito a mantenere temperature stabili

Come le foreste degli Stati Uniti orientali si sono riprese e hanno contribuito a mantenere temperature stabili
Le foreste dell’est degli Stati Uniti non sono solo belle, ma hanno anche contribuito a rendere la regione una delle poche che non si è riscaldata nel XX secolo. (Jon Bilous/Shutterstock.com)

Le ex foreste degli Stati Uniti orientali si sono riprese nell’ultimo secolo. Nel processo, hanno mantenuto temperature stabili, o addirittura in leggero calo, per decine di milioni di persone mentre il mondo nel suo complesso si riscalda. La discussione sul clima della riforestazione di solito riguarda quanto carbonio può assorbire dall’atmosfera. Questa scoperta suggerisce che gli effetti regionali non dovrebbero essere trascurati quando si considerano le conseguenze globali.

Gli americani sono molto più propensi a negare le prove del cambiamento climatico, in particolare quelli nel sud-est, rispetto ai loro omologhi altrove. Sebbene ciò rifletta indubbiamente fattori sociali e storici, l’esperienza diretta potrebbe anche giocare un ruolo.

Mentre quasi tutto il mondo si sta riscaldando, esponendo la maggior parte della popolazione globale a ondate di calore sempre più intense, le cose sono state diverse negli Stati Uniti orientali. La ragione, suggerisce una nuova ricerca, è il recupero delle foreste devastate nei secoli XVIII e XIX.

Queste informazioni potrebbero aiutare a calcolare quanto riforestazione altre regioni avrebbero bisogno per proteggersi dalle tendenze globali.

“Si tratta di capire quanto le foreste possono raffreddare il nostro ambiente e l’entità dell’effetto”, ha detto la dott.ssa Mallory Barnes dell’Università dell’Indiana in una dichiarazione. “Queste conoscenze sono fondamentali non solo per le proiezioni di riforestazione su larga scala volte alla mitigazione del clima, ma anche per i piani di iniziative come la piantumazione di alberi urbani”.

Circa 300 anni fa, ciò che oggi è l’est degli Stati Uniti era quasi interamente coperto da foreste. Il taglio del legname e la deforestazione per l’agricoltura ne hanno rimosso la maggior parte, ma dal 1930, 15 milioni di ettari (37 milioni di acri) sono stati attivamente ripristinati o recuperati per negligenza.

Le foreste raffreddano l’aria intorno a loro traspirando acqua, proprio come ci raffreddiamo quando sudiamo, e creano nuvole contemporaneamente. Altri fattori, come l’oscurità delle loro foglie e la ruvidità della superficie, possono anche avere un’influenza, ma lontano dai poli, la traspirazione tende a dominare.

Durante il periodo di abbattimento massimo, l’est degli Stati Uniti probabilmente si è riscaldato, ma non abbiamo buoni registri per la maggior parte di quel periodo. Con il ritorno delle foreste, è stato introdotto un effetto di raffreddamento regionale. Mentre l’intera America del Nord si è riscaldata di 0,7°C (1,2°F) tra il 1900 e il 2010, le regioni designate della costa orientale e del sud-est si sono raffreddate di 0,3°C (0,5°F).

Barnes e coautori sono lontani dall’essere i primi a notare questa contraddizione alla tendenza globale; i negazionisti professionisti amano sottolinearlo ad ogni occasione. Tuttavia, la sua causa è stata oggetto di dibattito, con aerosol rilasciati come inquinamento, aumento delle precipitazioni e cambiamenti nell’attività agricola proposti come responsabili.

“Questa diffusa storia di riforestazione, un enorme cambiamento nella copertura del suolo, non è stata ampiamente studiata per capire come potrebbe aver contribuito alla mancanza anomala di riscaldamento negli Stati Uniti orientali, che gli scienziati del clima chiamano ‘buco di riscaldamento’”, ha detto Barnes. “Ecco perché abbiamo iniziato questo lavoro”.

Non è una novità che gli alberi abbiano un effetto raffreddante – si può sentirlo entrando in un quartiere alberato – ma la dimensione dell’effetto doveva essere misurata. Barnes e colleghi hanno utilizzato dati provenienti sia da satelliti che da termometri in torri per confrontare le foreste con aree vicine più distanti dal suolo rispetto a studi precedenti. Hanno scoperto che anche le aree a una distanza considerevole dalla foresta hanno beneficiato degli effetti raffreddanti.

Il team ha concluso che oggi le foreste degli Stati Uniti orientali forniscono un raffreddamento di 1°C-2°C (1,8°F-3,6°F) durante l’anno, e molto di più in estate. Poiché solo una piccola frazione di ciò sarebbe stata disponibile dalle esili foreste pre-1930, ciò significa che senza la crescita successiva, il riscaldamento sarebbe stato simile al resto del pianeta. Tuttavia, hanno riconosciuto che anche altri fattori hanno contribuito, con Barnes che osserva: “Non possiamo spiegare tutto il raffreddamento, ma proponiamo che la riforestazione sia una parte importante dell’equazione”.

La piantumazione di foreste è ampiamente considerata il modo più rapido e facile per rallentare il riscaldamento globale assorbendo anidride carbonica dall’atmosfera. Tuttavia, affronta critiche poiché gli incendi possono invertire quell’effetto e in alcune località, le foreste immagazzinano meno carbonio rispetto alle praterie che sostituiscono.

Gli autori notano che le stesse avvertenze si applicano anche all’uso delle foreste in diversi ambienti, sottolineando che alle alte latitudini gli alberi potrebbero essere più caldi delle tundre coperte di neve. Le foreste giovani (20-40 anni) hanno anche un maggiore effetto raffreddante rispetto a quelle vecchie, quindi non tutti i benefici sono permanenti. “Le soluzioni climatiche basate sulla natura… saranno efficaci solo se accompagnate da una decarbonizzazione su vasta scala dell’economia”, scrivono.

Tuttavia, se lo studio può essere replicato, suggerirebbe che nei luoghi giusti, la riforestazione – o il mantenimento delle foreste in piedi fin dall’inizio – potrebbe fare una grande differenza.

Lo studio è pubblicato su Futuro della Terra.

L’articolo Come le foreste degli Stati Uniti orientali si sono riprese e hanno contribuito a mantenere temperature stabili sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top