Come diverse culture concepiscono il tempo

Come diverse culture concepiscono il tempo

Gli scienziati non sono sicuri del motivo per cui le persone rappresentano il passato, il presente e il futuro in modi diversi. (Bystrov/Shutterstock.com)

Immaginiamo il futuro. Dove si trova per le persone? Si vedono camminare verso di esso? Forse è dietro di loro. Forse è persino sopra di loro. E che dire del passato? Si immaginano di guardare dietro la spalla per vederlo? Come rispondono a queste domande dipenderà da chi sono e da dove vengono. Il modo in cui le persone immaginano il futuro è influenzato dalla cultura in cui crescono e dalle lingue a cui sono esposte.

Per molte persone che sono cresciute nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in gran parte dell’Europa, il futuro è di fronte a loro e il passato è alle spalle. Queste persone percepiscono il tempo come lineare, vedendosi in continuo movimento verso il futuro perché non possono tornare al passato.

In alcune altre culture, tuttavia, la posizione del passato e del futuro è invertita. Gli Aymara, un gruppo indigeno sudamericano che vive nelle Ande, concepiscono il futuro come alle spalle e il passato di fronte a loro. Questa scoperta è stata fatta dagli scienziati studiando i gesti delle persone Aymara durante discussioni su argomenti come gli antenati e le tradizioni. Hanno notato che quando gli Aymara parlavano dei loro antenati, facevano gesti di fronte a sé stessi, indicando che il passato era di fronte. Tuttavia, quando venivano chiesti di un evento futuro, il loro gesto sembrava indicare che il futuro era percepito come alle spalle.

Non sono solo gli Aymara a concepire il tempo in questo modo. Anche i parlanti di Darij, un dialetto arabo parlato in Marocco, sembrano immaginare il passato di fronte e il futuro alle spalle, così come alcuni parlanti vietnamiti. Inoltre, ci sono prove che alcuni parlanti di mandarino rappresentano il futuro come in basso e il passato in alto. Queste differenze suggeriscono che non esiste una posizione universale per il passato, il presente e il futuro. Le persone costruiscono queste rappresentazioni in base alla loro educazione e all’ambiente circostante.

La cultura non influenza solo dove vediamo la posizione del futuro, ma anche come ci vediamo arrivare. Nel Regno Unito e negli Stati Uniti, le persone di solito si vedono camminare con il volto rivolto verso il futuro. Per i Māori della Nuova Zelanda, invece, il focus dell’attenzione durante il movimento nel tempo non è il futuro, ma il passato. Il proverbio Māori “Kia whakatōmuri te haere whakamua” si traduce come “Cammino all’indietro nel futuro con gli occhi fissi sul mio passato”. Per i Māori, ciò che è di fronte a noi è determinato da ciò che può essere visto o è stato visto. Il passato e il presente sono concetti conosciuti e visti perché sono già accaduti. Il passato è concepito come di fronte a una persona, dove i loro occhi possono vederlo. Il futuro, invece, è considerato sconosciuto perché non è ancora accaduto. È pensato come alle spalle perché è ancora invisibile. I Māori si percepiscono come camminare all’indietro anziché in avanti nel futuro perché le loro azioni nel futuro sono guidate dalle lezioni del passato. Affrontando il passato, possono portare avanti nel tempo quelle lezioni.

Gli scienziati non sono sicuri del motivo per cui le persone rappresentano il passato, il presente e il futuro in modo diverso. Un’idea è che le nostre prospettive siano influenzate dalla direzione in cui leggiamo e scriviamo. La ricerca mostra che le persone che leggono e scrivono da sinistra a destra disegnano linee temporali in cui il passato è a sinistra e il futuro è a destra, riflettendo i loro modelli di lettura e scrittura. Tuttavia, le persone che leggono da destra a sinistra, come i parlanti arabi, spesso disegnano linee temporali con eventi passati a destra e il futuro a sinistra. Tuttavia, la direzione di lettura non può spiegare perché alcune persone che leggono da sinistra a destra pensano al futuro come “dietro”.

Un’altra teoria è che i valori culturali possano influenzare la nostra orientazione verso il futuro. Le culture variano nell’entità in cui valorizzano la tradizione. I ricercatori ritengono che il nostro concetto spaziale del futuro possa essere determinato dal fatto che la nostra cultura enfatizzi le tradizioni del passato o si concentri sul futuro. Nelle culture che stressano l’importanza del progresso, del cambiamento e della modernizzazione, il futuro è di solito di fronte – ad esempio, nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Tuttavia, nelle culture che attribuiscono un alto valore alla tradizione e alla storia ancestrale, come in Marocco e nei gruppi indigeni come i Māori, il passato è il focus e quindi di solito è di fronte.

Queste differenze possono anche avere implicazioni per le iniziative volte a affrontare le sfide globali. Se il futuro non è sempre di fronte, allora i mantra delle campagne occidentali come “andare avanti”, “superare” e “lasciare il passato alle spalle” potrebbero non avere risonanza per molte persone. Forse, tuttavia, se possiamo imparare dalle rappresentazioni del tempo di altre culture, potremmo essere in grado di ridefinire la nostra comprensione di alcuni dei problemi più urgenti del mondo. Affrontare il futuro con uno sguardo regolare al passato potrebbe portare a un futuro più equo per tutti.

Links:

L’articolo Come diverse culture concepiscono il tempo sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top