Colombia: trovata arte rupestre risalente a 2.000 anni fa raffigurante animali enormi

Gli archeologi hanno utilizzato telecamere e droni per mappare completamente 14 enormi siti di arte rupestre sparsi in Venezuela e Colombia.

Il sito di Cerro Pintado (Collina Dipinta), nello stato venezuelano di Amazonas, è un punto di riferimento locale e un appuntamento fisso lungo l’itinerario di coloro che viaggiano sul Medio fiume Orinoco. Tuttavia, vedere il gigantesco serpente, scolpito in alto sul fianco della collina, ha immediatamente acceso sia il nostro senso di meraviglia che la nostra curiosità scientifica. Perché un serpente? Perché i suoi creatori hanno scalato un’imponente collina di granito per collocarlo lì, proprio così? Che dire di tutte le altre incisioni che orbitano attorno ad esso: cosa significano? Tutte queste domande e altre ancora vorticavano attorno al nostro piccolo gruppo mentre eravamo, appiccicosi e morsi dalle zanzare, nella savana ai piedi della collina. Il suo status singolare lo rendeva ancora più intrigante. Sebbene esistano altri esempi di gigantesca arte rupestre preistorica in altre parti del mondo, questi sembrano essere i più grandi. Mentre, come accennato, alcuni erano già noti agli archeologi, il nostro team ne ha documentati altri, anche oltre il confine con la Colombia. I risultati rivelano un’alta concentrazione di queste incisioni monumentali nella regione. I soggetti di queste opere simboliche includono serpenti, esseri umani e millepiedi. Gli animali probabilmente hanno avuto un ruolo importante nelle mitologie delle persone che li hanno realizzati. . “Durante la nostra visita al Cerro Pintado nel 2015, supponevamo che l’enorme incisione del serpente lunga 42 metri (probabilmente rappresentante un boa o un’anaconda , originario della regione) si trovasse in uno splendido isolamento.” Precedenti studiosi avevano osservato che molti rifugi rocciosi nella savana circostante ospitavano dipinti preistorici, e avevamo già visto numerose incisioni vicino ai nostri siti di scavo. Sebbene spesso numerosi o piuttosto grandi, nessuno di questi siti condivideva la scala veramente monumentale delle incisioni del Cerro Pintado. La sua apparente unicità ci ha portato a tornare diligentemente con un drone per ottenere immagini migliori del pannello altamente inaccessibile. Già durante il primo periodo sul campo sospettavamo che ci fosse ancora molto da scoprire sull’arte rupestre della regione. La nostra guida, Juan Carlos García, educatore e fotografo locale, aveva viaggiato molto nella zona e aveva molti spunti da condividere. Mentre osservava le isole che separano il tranquillo corso medio del fiume Orinoco dal suo turbolento corso superiore, indicò la sponda colombiana e ci informò schiettamente: “Vedi quella collina? Laggiù, dietro, c’è un altro serpente, grosso quanto Pintado”. La possibilità di un altro serpente era più che allettante per noi. Aveva anche una serie di motivi di accompagnamento? Era davvero così grande e così visibile da molto lontano? Per mancanza di permessi scientifici in Colombia, o per il tempo necessario a cercare un nuovo sito anche se avessimo i permessi, queste domande sono rimaste senza risposta. Dopo quattro campagne in Venezuela, il nostro finanziamento sul campo è terminato nel 2017 e Cerro Pintado è rimasto, per quanto riguarda l’archeologia, un luogo unico e unico.

Colombia: trovata arte rupestre risalente a 2.000 anni fa raffigurante animali enormi

Fortunatamente, il ricercatore principale del progetto, José Oliver, presso l’ Istituto di Archeologia dell’UCL , si è assicurato i mezzi per tornare a effettuare indagini sulla parte colombiana nel 2018. I risultati di attente indagini sistematiche sono stati condivisi dal team in una raffica di messaggi di testo ed e-mail entusiasti. , confermando che non c’era solo un serpente in più, ma diversi. Erano anche di dimensioni paragonabili a Pintado e chiaramente imparentati, ma ognuno con la propria svolta. Anche la dottoranda del progetto, Natalia Lozada Mendieta , dell’Universidad de Los Andes, Colombia, ora assistente professore, è tornata nel 2021 e nel 2022 per trovare altri serpenti. Alla fine, l’intero team originale si è riunito sul campo nel 2023. Collettivamente, e con l’aiuto delle guide locali, abbiamo accumulato un database di 13 vasti siti di arte rupestre con oltre 150 incisioni individuali complessivamente. Per noi, i serpenti erano i motivi più sorprendenti, anche se i millepiedi giganti, gli esseri umani che ballano o suonano strumenti e le misteriose forme geometriche di intento sconosciuto non hanno mancato di impressionare. Sebbene non sia unico, come si pensava in precedenza, il Cerro Pintado è ora accompagnato da una costellazione di siti correlati: un’autentica tradizione di arte rupestre monumentale. I petroglifi preistorici molto grandi, il termine scientifico per le incisioni rupestri, non sono sconosciuti. Balene e alci sono raffigurati nell’arte norvegese dell’età della pietra , e giraffe e cammelli praticamente a grandezza naturale sono conosciuti rispettivamente dal Niger e dall’Arabia Saudita . Si presume spesso che un’arte rupestre altamente visibile o saliente come questa comunichi idee o concetti importanti. Sebbene il loro significato esatto sia andato perduto, il loro impatto può essere percepito attraverso la loro fisicità, ovvero la loro dimensione e posizione. Nei nostri casi, abbiamo la fortuna di notare temi ricorrenti nelle cosmologie indigene del nord del Sud America che alludono a serpenti giganteschi come creatori e protettori dei fiumi – incluso il grande “fiume” nel cielo , la Via Lattea.

Queste informazioni arricchiscono la nostra comprensione della documentazione archeologica. I serpenti dovevano essere visti da una certa distanza, riflettendo una comprensione condivisa del mondo e dei suoi abitanti. Ciò che contraddistingue il Medio Orinoco come un punto caldo unico, a nostro avviso, è l’assoluta concentrazione di queste enormi opere d’arte precolombiana. Sembrano essere i più grandi del mondo e parlano di un panorama culturale contestato ma apertamente comunicativo durante il periodo precolombiano che stiamo appena iniziando a comprendere. Ancora più importante, poiché il turismo regionale si espande di anno in anno, i siti hanno sempre più bisogno di protezione, un’attività in cui le popolazioni indigene dovrebbero avere una voce guida. Indubbiamente, ci sono dozzine di altri siti in questa tradizione monumentale unica da incontrare, registrare e, si spera, preservare.

L’articolo Colombia: trovata arte rupestre risalente a 2.000 anni fa raffigurante animali enormi sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top