Cinabrio: il minerale rosso usato nell’arte, ma tossico

Bello e pericoloso, come il fenomeno naturale che solitamente precede l’origine del cinabro: le eruzioni vulcaniche .

Il nome “cinabro” potrebbe far pensare che questo minerale abbia qualcosa a che fare con la cannella. Ma in realtà la parola deriva dalla parola araba zinjafr e dalla parola persiana zinjirfrah, che significa “sangue di drago“. Questo minerale nasce nelle vene poco profonde della rovente roccia vulcanica. Storicamente è stato utilizzato per millenni come pigmento chiamato vermiglio, ma è anche noto per l’uso nelle medicine tradizionali e come minerale primario del mercurio, un elemento chimico altamente tossico. Il cinabro è noto anche come solfuro di mercurio (HgS) , il minerale principale del mercurio e lo stesso liquido d’argento presente nei termometri orali utilizzati dai genitori per controllare la temperatura dei bambini. All’inizio degli anni 2000, l’Environmental Protection Agency (EPA) e il National Institute of Standards and Technology (NIST) li hanno gradualmente eliminati al posto di alternative più sicure. “Il cinabro si trova in vene superficiali e poco profonde [di roccia vulcanica], rendendolo facile da estrarre“, afferma Terri Ottaway, curatrice del museo presso il Gemological Institute of America (GIA). “Viene frantumato e poi arrostito per estrarre il mercurio.” Alcune miniere sono state utilizzate fin dall’epoca romana, dice Ottaway, come quelle di Almadén, in Spagna. Viene anche estratto in tutto il mondo in Perù, Italia e Stati Uniti. Registra da 2 a 2,5 sulla scala di durezza Mohs. Oggi, il cinabro viene estratto principalmente come fonte di mercurio elementare, ma storicamente il cinabro era un pigmento prezioso nelle culture di tutto il mondo a causa del suo colore.

Cinabrio: il minerale rosso usato nell’arte, ma tossico

Il cinabro può variare di colore dal rosso-arancio al rosso-viola intenso, dice Ottaway. Nella sua forma pigmentata, il minerale è chiamato vermiglio, derivato da una parola latina per un verme o un insetto con un colore rosso simile. “La pittura vermiglio era molto apprezzata dagli artisti del Rinascimento, anche se solo i ricchi potevano permetterselo“, sottolinea Ottaway. Nel 2018, il Met ha tenuto una mostra dedicata esclusivamente all’arte antica colorata con un delizioso pigmento vermiglio. In un post sul blog sulla mostra del Met, Ellen Spindler ha scritto che le culture hanno estratto il cinabro sin dal X millennio a.C. Il cinabro veniva utilizzato per dipingere ossa umane, come tintura per tatuaggi, come trucco e per decorare edifici e ceramiche. Nel Medioevo veniva utilizzato addirittura come inchiostro. “Il cinabro era usato nei cosmetici come rossetto in molte culture, dal Vicino Oriente alla cultura Olmeca [un’antica civiltà mesoamericana]. Sotto forma di polvere rossa, veniva usato per benedizioni rituali e sepolture“, spiega Ottaway. “Gli antichi cinesi usavano il pigmento nel gres e negli smalti per ceramica e lo resero popolare per produrre la lacca rossa.” Non sorprende che il colore rosso del cinabro lo abbia reso una rappresentazione popolare di temi come il sangue, la vittoria e il successo. Spindler scrive che nelle culture romane il pigmento era dominante nelle processioni trionfali. Il vero vermiglio è stato sostituito principalmente dal rosso cadmio nel XX secolo a causa della relazione tossica del primo con il mercurio. Oggi i cinesi producono un pigmento vermiglio dal solfuro di mercurio sintetico, privo di impurità e di qualità superiore rispetto al cinabro naturale.

Il cinabro è pericoloso?

Nella forma minerale naturale e pigmentata del cinabro non è pericoloso. Tuttavia, quando la temperatura aumenta, rilascia vapori di mercurio che possono essere tossici se inalati. “Il mercurio è tossico, ma finché il cinabro non viene riscaldato, il mercurio viene bloccato dallo zolfo, rendendo il cinabro a bassa tossicità“, spiega Ottaway. Tuttavia, chiunque maneggi qualsiasi minerale, in particolare il cinabro, dovrebbe lavarsi le mani e prestare attenzione. “A volte il cinabro si trova con goccioline di mercurio nativo, nella sua forma pura sulla superficie e non dovrebbe essere maneggiato perché il mercurio nativo viene facilmente assorbito dal corpo ed è tossico“, afferma Ottaway. Inoltre, è sconsigliabile usare il cinabro senza tagliarlo o macinarlo senza acqua per evitare l’inalazione di particelle, aggiunge Ottaway. “Il cinabro macinato deve essere maneggiato con cura, anche se è improbabile che l’ingestione di piccole quantità causi danni perché il solfuro di mercurio passa attraverso il corpo inalterato“, afferma. È importante notare che esistono tre tipi di mercurio: mercurio elementare, inorganico e mercurio organico (metilmercurio). Gli ultimi due non sono formati dal cinabro. Sebbene tutti e tre possano causare avvelenamento da mercurio, il mercurio organico è il più tossico. Sono necessarie 1.000 volte la quantità di mercurio del cinabro per raggiungere i livelli di neurotossicità del metilmercurio. Quando il mercurio viene inalato in grandi quantità, è pericoloso. Ecco perché l’EPA e il NIST hanno spinto per eliminare gradualmente il mercurio dai prodotti domestici, come i termometri di vetro che potrebbero cadere e rompersi, esponendo i bambini ad avvelenamento da mercurio. Tuttavia, è improbabile che tale evento sia fatale, soprattutto perché i termometri in vetro contengono mercurio elementare derivato dal cinabro invece del molto più tossico metilmercurio. Ci vorrebbe molto più di un termometro rotto per causare danni a lungo termine.

L’articolo Cinabrio: il minerale rosso usato nell’arte, ma tossico sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top