Che aspetto potrebbero avere gli alieni?

La ricerca della vita aliena è una delle più grandi missioni dell’umanità, ma potrebbe non assomigliare a nulla che abbiamo visto sulla Terra.

Contrariamente alle rappresentazioni sul grande schermo, gli alieni probabilmente non assomigliano per niente agli umani. Siamo soli nell’universo? È uno dei più grandi misteri della vita e viene esplorato sia dalla fantascienza che dagli scienziati. Ma se esiste vita aliena su altri pianeti, come potrebbe essere? Mentre piccoli uomini verdi o imponenti predatori sono le rappresentazioni stereotipate degli extraterrestri nei film, è improbabile che eventuali alieni che potrebbero essere là fuori assomiglino a quei personaggi, hanno detto gli esperti. Invece, l’ambiente unico delle lune o degli esopianeti che questi alieni chiamano casa potrebbe rendere la loro fisiologia completamente diversa da qualsiasi cosa si trovi sulla Terra. Alcuni alieni potrebbero evolversi per volare solo attraverso il cielo del loro pianeta a causa di una densa atmosfera planetaria, ha detto Adam Frank , professore di astrofisica all’Università di Rochester. Oppure, nel caso di pianeti con elevata gravità , ha detto che gli alieni potrebbero svilupparsi per diventare più robusti “più simili agli elefanti”. O forse la vita si evolverebbe per vivere sottoterra, ha detto Valentina Erastova , ricercatrice di chimica presso l’Università di Edimburgo. Se un pianeta ha livelli elevati di radiazioni non assorbite dall’ozono, ciò potrebbe comportare la vita sotterranea che utilizza il suolo come protezione. In questo caso, Erastova suggerisce che la semplice vita multicellulare potrebbe apparire simile ai funghi. Mentre di solito vediamo il corpo fruttifero di un fungo fuori terra, la maggior parte della sua vita avviene sottoterra in una vasta rete di radici chiamata micorriza. “Anche sulla Terra, ci sono più varietà di forme di vita all’interno [della Terra] che camminarci sopra”, ha detto Erastova. In caso di radiazioni ultraviolette (UV) estreme, il lavoro pubblicato sulla rivista Monthly Notice della Royal Astronomical Society nel 2019 suggerisce che gli alieni potrebbero effettivamente brillare di rosso, blu o verde come modo per proteggersi. Come alcuni coralli, secondo lo studio, questi organismi potrebbero avere proteine ​​o pigmenti in grado di assorbire parte dell’energia della luce UV, che li farebbe quindi brillare a una lunghezza d’onda più sicura nello spettro visibile. Un altro potenziale adattamento, ha detto Frank, sarebbero gli alieni con un metabolismo molto lento a causa della temperatura gelida del loro mondo natale. Titano, la luna più grande di Saturno, è un bell’esempio di un mondo molto freddo che gli scienziati ipotizzano potrebbe ospitare forme di vita estreme che vivono nei mari di metano, ha detto Frank. I bradipi sulla Terra sono un esempio di animali con un metabolismo estremamente lento (il loro metabolismo è solo dal 40 al 45% di quello di altri animali della loro taglia) e di conseguenza si muovono molto lentamente.

Che aspetto potrebbero avere gli alieni?

Tuttavia, anche se sarebbe sorprendente scoprire questi alieni dall’aspetto selvaggio, qualsiasi vita extraterrestre là fuori sarebbe probabilmente molto più semplice degli organismi volanti, robusti, simili a funghi o luminosi. “È molto più probabile che la vita sia unicellulare”, ha detto Sarah Rugheimer , professoressa associata di astronomia e astrofisica alla York University di Toronto. “Per la maggior parte del tempo sulla Terra, l’unica vita che esisteva era microbica. Anche oggi, la maggior parte della biosfera è microbica.” Individuare la vita unicellulare lontano dalla Terra potrebbe rivelarsi un compito difficile, ma un modo in cui gli scienziati suggeriscono di risolvere questo problema è cercare prove di vita che i microbi potrebbero essersi lasciati dietro. In uno studio del 2019 pubblicato sulla rivista Astrobiology , gli scienziati hanno riferito che le formazioni di carbonato di calcio lasciate nelle sorgenti termali prosciugate potrebbero essere formate da tappeti caldi simili a pasta di microbi extraterrestri. Trovare tali formazioni su altri pianeti potrebbe indicare una promettente fonte di microbi fossilizzati, hanno suggerito gli scienziati. Detto questo, se la vita aliena si è evoluta in vita multicellulare, Rugheimer ha detto che è ancora “molto improbabile” che assomigli esattamente a quella umana. La nostra fisiologia unica è sia il risultato dell’evoluzione in un ambiente terrestre unico, sia un bel colpo di fortuna, ha detto Frank. Tuttavia, la vita aliena potrebbe ancora avere alcuni tratti simili agli animali come risultato dell’evoluzione convergente , ha detto Rugheimer, ad esempio occhi per vedere l’ambiente e arti o ali per attraversarlo. Ma potrebbe essere qui che finiscono le somiglianze. Naturalmente, tutte queste idee si basano sul presupposto che la vita extraterrestre avrebbe bisogno di necessità simili a quelle della vita terrestre – come acqua, luce solare e ossigeno – per sopravvivere. È anche possibile che la vita su altri pianeti possa evolversi in un modo completamente diverso, o addirittura con una struttura elementare completamente diversa. Ad esempio, molti alieni della fantascienza sono composti di silicio invece che di carbonio della vita terrestre. In un’area di studio con così tante incognite, Rugheimer è almeno fiducioso che questa idea sembri improbabile. “Il carbonio è più abbondante del silicio e forma una chimica più complessa”, ha affermato. “[Ma] l’unica cosa che penso sia vera è che non abbiamo idea di come sarebbero.”

L’articolo Che aspetto potrebbero avere gli alieni? sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top