Carenza di vitamina B12: cause, sintomi e trattamenti dell’anemia perniciosa

Carenza di vitamina B12: cause, sintomi e trattamenti dell’anemia perniciosa
(file404/Shutterstock.com)

Si stima che il 6% delle persone negli Stati Uniti e nel Regno Unito soffra di carenza di vitamina B12. La condizione è riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come un problema globale di salute che potrebbe influenzare milioni di vite. La carenza di B12 è tipicamente caratterizzata da sintomi come stanchezza estrema, mancanza di energia, debolezza muscolare e persino problemi di memoria. Non solo, ma può causare una serie di gravi problemi di salute, come danni irreversibili ai nervi, ansia o depressione, o disturbi che colpiscono coordinazione, equilibrio e linguaggio.

Mentre alcune carenze di B12 sono causate dalla dieta, il motivo più comune per bassi livelli di B12 in tutto il mondo è un disturbo autoimmune chiamato anemia perniciosa. Si tratta di una forma cronica di bassi livelli di B12 che può avere gravi conseguenze sulla salute se non trattata a lungo termine. Tuttavia, poiché i sintomi della condizione assomigliano tipicamente ad altre condizioni comuni, spesso viene diagnosticata erroneamente come depressione o ansia. Non solo la condizione causa disagio fisico, ma lo stigma di vivere con questa condizione cronica può anche causare seri danni psicologici, come ho dimostrato nella mia ricerca.

La vitamina B12 – altrimenti nota come cobalamina – è una vitamina idrosolubile presente nei prodotti di origine animale, come carne, pesce e latticini. Altre fonti includono cereali fortificati, pane e latte vegetale. Le persone che non consumano regolarmente prodotti animali sono a rischio di carenza di B12. Per ridurre questo rischio, ai vegani viene consigliato di consumare almeno tre microgrammi di B12 al giorno attraverso cibi fortificati, o assumendo regolarmente un integratore di B12.

Tuttavia, la maggior parte dei bassi livelli di B12 sono causati dall’anemia perniciosa. La condizione rende difficile per le persone elaborare la vitamina B12 perché il sistema immunitario influisce sul funzionamento delle importanti cellule parietali nello stomaco. Queste cellule producono una proteina chiamata “fattore intrinseco” che è essenziale per l’assorbimento della vitamina. Le persone con anemia perniciosa produrranno un anticorpo contro il Fattore Intrinseco che distrugge qualsiasi Fattore Intrinseco che è stato prodotto. E così, senza alcun Fattore Intrinseco per legarsi al cibo, non sono in grado di estrarre alcun B12. Senza B12, il corpo non è in grado di produrre abbastanza globuli rossi sani. La condizione può anche essere causata da una mucosa gastrica indebolita. Questo può accadere a causa di gastrite atrofica, infiammazione cronica dello stomaco che alla fine indebolisce la mucosa.

Una condizione a vita

Si stima che cinque persone su 100.000 nel Regno Unito abbiano anemia perniciosa. Essa colpisce persone di tutte le età, e i sintomi possono iniziare in qualsiasi momento. Tuttavia, la condizione è più comune nelle persone oltre i 60 anni, poiché gli adulti più anziani sono più inclini a sviluppare gastrite atrofica, che aumenta il rischio di carenza di B12. Il numero di persone con la condizione in tutto il mondo potrebbe essere superiore alle stime. Tuttavia, è difficile stimare in modo affidabile i livelli di carenza di B12 perché non c’è un accordo sulla definizione di quanto bassi devono essere i livelli di B12 per essere classificati come carenti.

Sono state redatte nuove linee guida per affrontare i problemi con i metodi di diagnosi attuali. Si afferma che i sintomi del paziente sono il miglior indicatore di eventuali carenze. Si afferma inoltre che se c’è un’incoerenza con il risultato del test e i sintomi segnalati dal paziente, il paziente dovrebbe comunque essere trattato con B12 sostitutiva per prevenire eventuali danni irreversibili.

La carenza di B12 causa una vasta gamma di sintomi neurologici e fisici debilitanti. I sintomi più comuni dell’anemia perniciosa sono stanchezza, perdita di memoria e problemi di concentrazione. Tuttavia, la natura sottile e non specifica dei sintomi iniziali della condizione può rendere difficile diagnosticare correttamente le persone. Uno studio condotto intervistando membri della Società di Anemia Perniciosa ha rilevato che quasi la metà era stata diagnosticata erroneamente. Un ulteriore 20% aveva atteso due anni o più per una diagnosi corretta. Per molti, i sintomi erano stati inizialmente attribuiti a uno stile di vita frenetico o diagnosticati come ansia o depressione.

Bassi livelli di B12 possono portare a danni ai nervi, poiché la vitamina è essenziale per la produzione di mielina, che protegge le cellule nervose dai danni. I sintomi di bassi livelli di B12 potrebbero inizialmente manifestarsi come formicolio o intorpidimento nelle mani e nei piedi, o difficoltà di equilibrio. Se l’anemia perniciosa non viene trattata, i sintomi possono diventare debilitanti e i danni ai nervi irreversibili. Il termine “perniciosa” è stato utilizzato per descrivere la condizione poiché storicamente portava alla morte.

Quando la carenza di vitamina B12 è causata da una dieta povera, viene trattata prescrivendo compresse di B12 o iniezioni di idrossocobalamina. Una volta corretta la carenza, i livelli possono essere gestiti cambiando la dieta o assumendo regolarmente un integratore.

Tuttavia, il trattamento è a vita per le persone con anemia perniciosa. Nel Regno Unito, molti hanno bisogno di frequenti iniezioni ogni 8-12 settimane per sostituire la vitamina. Nonostante ciò, molte persone continuano a sperimentare sintomi debilitanti, o trovano che i sintomi ritornano prima della successiva iniezione programmata perché il loro trattamento non è stato sufficiente.

Quando i pazienti sollevavano preoccupazioni riguardo a un trattamento insufficiente o richiedevano iniezioni più frequenti, la nostra ricerca ha scoperto che molti operatori sanitari rispondevano in modo negativo, mettendo in dubbio persino la legittimità della malattia del paziente. Questo tipo di domande può aumentare il disagio psicologico e avere un impatto sulla qualità della vita.

I pazienti con anemia perniciosa prevedevano anche alti livelli di stigma legato alla salute. Molte persone con condizioni di salute croniche temono che il loro stato di salute le porterà a essere svalutate dalla società più ampia, o essere oggetto di discriminazione. Lo stigma non solo incide sulle relazioni con gli operatori sanitari, ma può causare un aumento dell’incidenza di ansia e depressione.

La mancanza di linee guida adeguate per la diagnosi e il trattamento dell’anemia perniciosa è problematica e c’è un urgente bisogno che venga riesaminata. È importante che sia il pubblico generale che gli operatori sanitari abbiano una maggiore consapevolezza dei sintomi che derivano da livelli inadeguati di B12 in modo che la condizione possa essere diagnosticata prima che si verifichino danni a lungo termine.

Heidi Seage, Docente Senior di Psicologia, Università Metropolitana di Cardiff

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation in base a una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.

L’articolo Carenza di vitamina B12: cause, sintomi e trattamenti dell’anemia perniciosa sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top