Bevanda spaziale: un’azienda francese prepara la vodka con meteorite

La distilleria francese Pegasus ha creato una vodka speciale o, per meglio dire, spaziale. No, non stiamo parlando degli ingredienti della Pangalactic Dynamite, bevanda presente nella Guida galattica per gli autostoppisti dello scrittore britannico Douglas Adams, bensì del distillato prodotto dall’azienda dall’infusione del meteorite Huntsman. Scoperto nel 1977 nel Nebraska (USA), l’oggetto sembra essere caduto sulla Terra nel 1910 ed è del tipo condrite. Ciò significa che Huntsman (b) appartiene alla classe dei meteoriti pietrosi più comuni ed è costituito principalmente da minerali di silicato. Ha un colore scuro e una crosta di fusione irregolare (uno strato di vetro formatosi quando il meteorite viene bruciato dall’attrito con l’aria), e al suo interno contiene piccoli pezzi di ferro e nichel. Ogni giorno la Terra viene colpita da quasi 50 tonnellate di meteore e meteoriti, ma poiché la maggior parte di essi viene bruciata nell’atmosfera, passano inosservati. Huntsman (b) sembra essere arrivato sul nostro pianeta quell’anno perché, all’epoca, fu ritrovato a pochi chilometri da un altro oggetto. Per gli astronomi, entrambi sono pezzi di un’unica roccia spaziale che ha finito per bruciare mentre attraversava l’atmosfera. Indipendentemente dalle sue origini o dalla data di arrivo, è certo che Huntsman (b) è finito nelle mani di Maxime Girardin, fondatore di Pegasus Distillerie, che nel 2021 ha deciso che gli sarebbe piaciuto provare qualcosa di diverso.

Bevanda spaziale: un’azienda francese prepara la vodka con meteorite

Ispirato dalla sua passione per il cielo notturno nata durante un periodo di volontariato in Sud Africa, Girardin capì che avrebbe voluto aggiungere un tocco spaziale alle ricette dell’azienda e acquistò l’ingrediente, che, in questo caso, era il meteorite Huntsman (b ). Successivamente, la vodka Shooting Star è stata invecchiata in un’anfora, un tipo di vaso di terracotta. L’idea era che l’ossigeno penetrasse nell’oggetto e fungesse da legante tra la vodka e i minerali nel meteorite. “In qualche modo, risveglia un’area speciale sulla tua lingua. Resta sulla lingua per minuti e minuti“, ha commentato Vincent Girardin, il padre di Maximine. “In realtà non è solo questione di gusto. La sensazione in bocca è un’esperienza a sé stante”, ha aggiunto. E, dopo tutto, è davvero sicuro bere o mangiare un meteorite? Ebbene, per i geologi un consumo insolito non dovrebbe comportare grossi rischi. Sebbene l’oggetto abbia ricevuto radiazioni nello spazio, sia le rocce del nostro pianeta che anche i nostri corpi hanno le rispettive dosi radioattive. Consideriamo ad esempio le banane: il potassio in esse contenuto le rende leggermente radioattive, ma sono comunque sicure da mangiare . “Ho il sospetto che una normale condrite sia molto meno letale di altri elementi presenti nella vodka“, ha scherzato Randy Korotev, un geochimico lunare in pensione dell’Università di Washington negli Stati Uniti.

Fonte:

https://www.popsci.com/science/meteorite-vodka

L’articolo Bevanda spaziale: un’azienda francese prepara la vodka con meteorite sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top