Beefalo: l’ibrido bovino-bisonte che ha avuto un impatto sull’ambiente

Beefalo: l’ibrido bovino-bisonte che ha avuto un impatto sull’ambiente
I beefalo non sono bovini ordinari. (Crediti immagine: Karl Young via Wikimedia Commons (CC BY-SA 3.0))

Beefalo sono una razza di bovini domestici che è stata creata con un po’ di incoraggiamento da parte degli esseri umani negli anni ’60. Composta in parte da bovini e in parte da bisonti, l’obiettivo era quello di creare un bovino “superiore” che combinasse la capacità di mungitura e la facilità generale delle mucche domestiche, con la resistenza e la qualità della carne dei bisonti.

Conosciuti anche come cattalo, gli ibridi sono stati ideati nel sud-ovest degli Stati Uniti – parte di una nazione in cui più della metà della carne bovina consumata viene mangiata solo dal 12 percento della popolazione.

Beefalo sembrava una mossa intelligente perché produceva animali più efficienti dal punto di vista dei costi, più facili da gestire e vendere, ma aveva i suoi svantaggi.

Gli animali in cattività alla fine sono scappati e in un certo momento si pensava che circa 600 beefalo vagassero liberi nel Grand Canyon North Rim. Sebbene sia stata una fortunata fuga per il bestiame ibrido, ha avuto un impatto negativo sull’ambiente locale poiché gli animali hanno causato danni all’ecosistema delle praterie della regione, bevendo riserve d’acqua già limitate e distruggendo antichi ruderi di pietra (i bisonti hanno la tendenza a strofinarsi contro le strutture in piedi).

Se ti stai chiedendo perché beefalo e non cowson, il bisonte Bison bonasus è anche conosciuto colloquialmente come bisonte europeo. Come animali da branco, possono vivere in gruppi misti o esclusivamente maschili e sono gli animali selvatici terrestri più pesanti d’Europa.

È stata una strada difficile per i bisonti, un gruppo di animali che è stato privato del proprio habitat dagli esseri umani che li hanno cacciati fino quasi all’estinzione in passato. Nel 1927, erano rimasti meno di 50 bisonti europei, sopravvivendo solo negli zoo, ma ora Rewilding Europe afferma che ci sono circa 8.500 animali, di cui 6.200 vivono in libertà. Dopo essere scomparsi in natura nel XX secolo, alcune parti d’Europa stanno ora dando il benvenuto a questi animali – e per alcuni, è stato un periodo particolarmente lungo.

Nel luglio 2022, tre bisonti femmine hanno fatto la storia dopo essere state reintrodotte in una riserva nel Kent, Regno Unito, diventando così i primi bisonti selvatici in Gran Bretagna da migliaia di anni. Nel mese di ottobre dello stesso anno, hanno fatto nuovamente la storia quando hanno dato il benvenuto al pitter-patter delle zoccoli dei piccoli bisonti.

Per quanto riguarda i beefalo selvatici, c’erano preoccupazioni dopo la sorprendente scoperta di una mucca femmina che era scappata da una fattoria per iniziare una nuova vita con un branco di 50 bisonti in Polonia. Se avesse avuto dei cuccioli con i suoi nuovi compagni, un piccolo beefalo sarebbe stato possibile, ma sopravvivere al processo di dare alla luce un animale ibrido che potrebbe un giorno essere più grande di te stesso non è sempre garantito.

Parlando di ibridi particolari, hai sentito parlare del primo caso documentato di un incrocio tra cane e volpe delle pampas? Era il 50 percento volpe delle pampas, il 50 percento cane, il 100 percento unico nel suo genere.

Una versione precedente di questo articolo è stata pubblicata in [nome del sito].

L’articolo Beefalo: l’ibrido bovino-bisonte che ha avuto un impatto sull’ambiente sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top