Battaglia legale sulla fluorizzazione dell’acqua potabile negli Stati Uniti

Battaglia legale sulla fluorizzazione dell’acqua potabile negli Stati Uniti
La fluorizzazione dell’acqua potabile riduce drasticamente la carie dentale. (New Africa/Shutterstock.com)

Una battaglia legale sulla sicurezza dell’aggiunta di fluoro all’acqua potabile negli Stati Uniti è attualmente in pieno svolgimento, con i querelanti che sostengono che la sostanza chimica rappresenti una minaccia per lo sviluppo neurologico dei bambini. Il giudice Edward Chen del Tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale della California ha ascoltato le testimonianze degli esperti dal 31 gennaio e potrebbe ordinare all’Agenzia per la protezione dell’ambiente (EPA) di vietare la fluorizzazione se i querelanti riescono a dimostrare che questa pratica è collegata a una diminuzione del QI.

Il fluoro viene aggiunto regolarmente alle forniture di acqua potabile negli Stati Uniti dal 1946 al fine di proteggere i denti delle persone dalla carie. Tuttavia, gli oppositori di questa politica hanno spesso fatto riferimento a studi sugli animali che mostrano come l’esposizione a livelli elevati di questo minerale possa portare a un deterioramento cognitivo.

La questione è diventata critica nel 2017, quando un gruppo di querelanti guidato dall’organizzazione non governativa Food and Water Watch (FWW) ha intentato un’azione legale contro l’EPA in base al Toxic Substances Control Act. L’udienza è iniziata nel giugno 2020, ma Chen ha interrotto le procedure poco dopo per attendere la pubblicazione di una rapporto del National Toxicology Program (NTP) del governo.

È su questa relazione che si basa il caso e, sebbene il documento non sia ancora stato pubblicato, Chen ha ora permesso la ripresa del processo.

Iniziata nel 2016, la valutazione del NTP consiste in una revisione sistematica di tutti i dati disponibili sugli effetti neurosviluppo del fluoro sia negli esseri umani che negli animali. Nel complesso, la revisione ha scoperto “con moderata certezza che l’esposizione a livelli più elevati di fluoro […] è costantemente associata a un QI più basso nei bambini”.

Ad esempio, dei 19 studi affidabili sui bambini inclusi nella revisione, 18 hanno dimostrato una correlazione tra l’esposizione a livelli elevati di fluoro e un QI più basso. Tuttavia, in tutti questi casi, l’esposizione totale al fluoro era uguale o superiore a 1,5 milligrammi per litro di acqua. Negli Stati Uniti, tuttavia, l’acqua potabile contiene meno della metà di questa concentrazione, con solo 0,7 milligrammi di fluoro in ogni litro.

Tuttavia, il NTP ha inizialmente proposto una “classificazione di pericolo” per il fluoro quando ha pubblicato la prima bozza della sua relazione nel 2019. Questa è stata successivamente ritirata dopo la revisione paritaria da parte delle National Academies of Science, Engineering e Medicine (NASEM), che ha rilevato che le conclusioni degli autori non erano “sufficientemente supportate”.

Nella sua seconda bozza, il NTP ha scritto che gli “effetti del fluoro sul neurosviluppo cognitivo sono inconcludenti e quindi poco chiari”. Tuttavia, questa affermazione è stata omessa dalla bozza più recente, presentata alla NASEM nel settembre 2022.

Non soddisfatta di questa omissione, la NASEM ha chiesto al NTP di modificare nuovamente la relazione. In particolare, i revisori paritari hanno chiesto agli autori dello studio di includere il seguente paragrafo:

“Concentrandosi sui risultati degli studi con esposizioni tipicamente riscontrate nell’acqua potabile negli Stati Uniti (0,7 mg/L per i sistemi di acqua potabile fluorizzata in modo ottimale) che possono essere valutati per la risposta alla dose, gli effetti sul neurosviluppo cognitivo sono inconcludenti e quindi poco chiari”.

Tuttavia, il NTP non è d’accordo con questa raccomandazione e ritiene che la relazione dovrebbe semplicemente affermare che “sono necessari ulteriori studi per comprendere appieno il potenziale dell’esposizione a bassi livelli di fluoro nell’influenzare il QI dei bambini”.

Mentre queste disaccordi continuano a ritardare la pubblicazione della relazione, Chen ha ora ascoltato gli argomenti iniziali presentati dall’avvocato Michael Connett, che rappresenta i querelanti. Rivolgendosi al tribunale, ha si dice che abbia detto che i neonati alimentati con latte in polvere e acqua del rubinetto rappresentano un “gruppo critico vulnerabile esposto alla dose più elevata di fluoro di qualsiasi gruppo di età nella popolazione”.

In definitiva, spetta a FWW e agli altri dimostrare che il fluoro rappresenta un “rischio irragionevole” per la salute dei feti e dei bambini. Si prevede che esperti da entrambe le parti forniranno prove per nove giorni, dopodiché Chen deciderà se l’EPA deve regolamentare la fluorizzazione o meno.

L’articolo Battaglia legale sulla fluorizzazione dell’acqua potabile negli Stati Uniti sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top