Scopri l'offerta Prime!

Artemis I “sfiora” la Luna in un volo mozzafiato. Traguardo storico

Orion è passato a circa 130 chilometri dalla superficie lunare in una pericolosa manovra alla cieca

Il traguardo di oggi è stato raggiunto sulle spalle dei giganti delle missioni Apollo“, ha commentato la NASA sulla missione Artemis I, il test senza equipaggio per il ritorno dell’umanità sulla Luna, riuscito appieno questa mattina. La capsula Orion, la stessa su cui viaggeranno gli astronauti in futuro, ha sorvolato il nostro satellite a circa 130 chilometri dalla superficie in una manovra ”da infarto”, senza segnale per più di mezz’ora, a causa del blocco delle comunicazioni provocato della Luna stessa. L’obiettivo dell’approccio era sfruttare la gravità lunare per inviare il veicolo spaziale in un’orbita distante molto diversa da quella del veicolo spaziale dell’era Apollo, in cui i suoi sistemi saranno testati. Il sorvolo motorizzato è avvenuto cinque giorni dopo il decollo dal John F. Kennedy Space Center di Cape Canaveral Florida (USA) del megarazzo Space Launch System (SLS) alto 98 metri, il più potente al mondo, con Orione ad un’estremità. La manovra, trasmessa in diretta dalla NASA, ha raggiunto il suo punto critico alle 13:44 ora della penisola spagnola ad una velocità di 8.200 chilometri orari. Così vicino, Orion ha corso il rischio di finire per precipitare sulla Luna, rovinando anni e anni di lavoro e l’enorme budget messo a disposizione. Il passaggio della capsula dietro la Luna ha bloccato le comunicazioni con la Terra, tanto che per 34 minuti nessuno ha saputo cosa stesse accadendo fino a quando la navicella è ricomparsa e la stazione di terra di Goldstone (California) ha ristabilito il segnale. Queste antenne fanno parte del Deep Space Network della NASA insieme a quelle della città madrilena di Robledo de Chavela ea quelle di Canberra (Australia).

Questo è uno di quei giorni a cui hai pensato a lungo. Abbiamo messo un veicolo attorno alla Luna. Questo cambia le regole del gioco”, hanno affermato con soddisfazione dalla Nasa. Una seconda manovra, prevista per venerdì, sarà necessaria per inserire finalmente Orione nell’orbita retrograda, così chiamata perché ruota nella direzione opposta al moto della Luna intorno alla Terra. Questa traiettoria stabile, nella quale rimarrà per circa una settimana, lo porterà a circa 92.000 chilometri dalla Luna e a 432.000 chilometri dal nostro pianeta. Successivamente, volerà di nuovo vicino alla Luna e tornerà sulla Terra. L’11 dicembre ritornerà sul nostro pianeta ammarando nell’Oceano Pacifico, al largo della costa californiana. “Questa orbita è diversa da quella effettuata durante il programma Apollo, in cui la navicella e il suo equipaggio orbitavano molto più vicino alla superficie lunare in modo più circolare“, hanno detto dall’agenzia spaziale durante la trasmissione. “La lontana orbita retrograda è importante perché ci aiuta a capire come funziona un veicolo spaziale in un ambiente dello spazio profondo“, hanno spiegato. Il viaggio di Artemis I va come previsto, ma non è stato privo di problemi. Durante questi cinque giorni, gli ingegneri della NASA hanno rilevato ben tredici anomalie, nessuna in grado di inficiare il successo della missione.

L’articolo Artemis I “sfiora” la Luna in un volo mozzafiato. Traguardo storico sembra essere il primo su Scienze Notizie.