AR 3664, la macchia solare da Evento di Carrington. ”Visibile anche senza binocolo”

AR3664 non è una macchia solare come le altre, ma una delle più grandi e attive viste in questo ciclo solare. Questa formazione gigantesca ha attirato l’attenzione degli scienziati all’inizio di questa settimana quando il Centro di previsione meteorologica spaziale della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) ha emesso un avviso di aumento del rischio di brillamenti solari da parte del gigante solare martedì. “La regione 3664 è cresciuta considerevolmente ed è diventata molto più complessa dal punto di vista magnetico”, ha poi conunicato l’SWPC della NOAA. “Ciò ha portato ad un aumento delle probabilità di brillamenti solari nei prossimi giorni.” Nelle ore successive la gigantesca macchia solare ha più che soddisfatto le aspettative. Negli ultimi giorni sono stati emessi innumerevoli potenti brillamenti solari, incluso un colossale brillamento solare di classe X questa mattina (9 maggio), con un picco alle 5:13 EDT (09:13 GMT). I brillamenti solari sono eruzioni dalla superficie del sole che emettono intense esplosioni di radiazioni elettromagnetiche. Sono classificati in base alla dimensione in gruppi di lettere, dove la classe X indica la più potente. Poi ci sono quelli di classe M che sono 10 volte meno potenti dei razzi di classe X, seguiti dai razzi di classe C che sono 10 volte più deboli dei razzi di classe M, gli eventi di classe B sono 10 volte più deboli dei razzi di classe C e infine, i brillamenti di classe A, che sono 10 volte più deboli dei brillamenti di classe B e non hanno ricadute evidenti sulla Terra. All’interno di ciascuna classe, i numeri da 1 a 10 (e oltre per i brillamenti di classe X) descrivono la forza relativa di un brillamento. Secondo spaceweatherlive.com, il bagliore X questa mattina si è verificato a X 2.25, misurato dal satellite GOES-16 della NASA. Potenti brillamenti solari come quello osservato questa mattina possono causare blackout radio a onde corte sul lato illuminato dal sole della Terra al momento dell’eruzione e il flare di questa mattina ha causato blackout radio a onde corte in tutta Europa e in Africa, come si vede nell’immagine.

AR 3664, la macchia solare da Evento di Carrington. ”Visibile anche senza binocolo”

I blackout radio sono dovuti al forte impulso di raggi X e alle radiazioni ultraviolette estreme emesse durante l’eruzione. La radiazione viaggia verso la Terra alla velocità della luce e ionizza (cede carica elettrica) la parte superiore dell’atmosfera terrestre. Questa ionizzazione provoca un ambiente ad alta densità in cui i segnali radio a onde corte ad alta frequenza possono navigare per supportare la comunicazione su lunghe distanze. Le onde radio che interagiscono con gli elettroni negli strati ionizzati perdono energia a causa delle collisioni più frequenti e questo può portare alla degradazione o al completo assorbimento dei segnali radio, secondo lo Space Weather Prediction Center della NOAA. Estendendosi per quasi (200.000 chilometri) da un’estremità all’altra, la macchia solare AR3664 è attualmente 15 volte più ampia del nostro pianeta. È così grande che può essere vista dalla Terra senza bisogno di ingrandimento. Basta avere un paio di occhiali per eclissi solare per osservare in sicurezza il sole e vedere la gigantesca macchia solare attraversare il disco solare. Le grandi dimensioni di Sunspot AR3664 rivaleggiano con le macchie solari di Carrington del 1859, nota per la sua furia esplosiva tra agosto e settembre 1859, durante la quale emise una serie di potenti brillamenti solari e CME, provocando grandi tempeste geomagnetiche che incendiarono gli uffici del telegrafo e innescarono aurore vicine all’equatore come Cuba e le Hawaii. Sebbene gli studi suggeriscano che le tempeste solari di classe Carrington si verifichino ogni 40-60 anni circa (e siamo in ritardo da tempo), non ci sono prove che eventuali CME attualmente in viaggio da precedenti eruzioni solari questa settimana potrebbero causare un nuovo evento Carrington e gli scienziati stanno tenendo d’occhio questa formazione in continua crescita.

L’articolo AR 3664, la macchia solare da Evento di Carrington. ”Visibile anche senza binocolo” sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top