Antichi papiri rivelano nuove informazioni sul mondo degli antichi romani

Gli archeologi hanno trovato una raccolta di antiche lettere scritte su papiro che sembrano rappresentare la corrispondenza tra comandanti militari romani in una scoperta “estremamente rara”.

I documenti sono stati scoperti da un team di ricercatori polacchi insieme ad altri resti, come monete romane e ceramiche, nel sito di un antico cimitero di animali, ha riferito il sito web Science in Polonia. Il cimitero, che contiene i resti di centinaia di animali, si trova nella periferia occidentale di Berenike, antico porto situato sulla costa egiziana del Mar Rosso. L’insediamento fu fondato nel 3° secolo a.C. dall’antica dinastia greca tolemaica che all’epoca governava l’Egitto. Questo regno durò fino al 30 a.C. quando la regione, inclusa Berenice, passò sotto il controllo romano. La scrittura sul papiro, un materiale simile alla carta utilizzato nell’antichità, potrebbe rivelarsi un’importante fonte di informazioni per i ricercatori. “Tutti i testi appena scoperti hanno un valore inestimabile per la scienza. Possiamo imparare direttamente da loro sulla vita quotidiana delle persone migliaia di anni fa”, ha detto Marta Osypińska dell’Istituto di Archeologia dell’Università di Wrocław, in Polonia, che ha condotto l’ultima ricerca. “Forniscono conoscenze che non possiamo trovare sui monumenti: nomi, occupazioni, quali problemi li preoccupavano, cosa era importante per la ‘gente comune’”, ha detto. “La scoperta di nuovi testi è quindi sempre un evento importante per gli studiosi.”

Prima delle ultime scoperte, non erano stati rinvenuti papiri antichi nel sito del cimitero degli animali, che sembra essere stato in uso tra il I e ​​il II secolo, sebbene gli archeologi avessero precedentemente trovato numerosi ostracon, frammenti di ceramica con iscrizioni. “Per gli egittologi e gli altri scienziati che si occupano di antichità, questa è una scoperta estremamente rara e di alto livello”, ha detto Osypińska a Science in Polonia. I papiri vengono ancora letti ed esaminati attentamente da specialisti, ma le prove preliminari indicano che molto probabilmente rappresentano lettere scambiate tra centurioni romani, che erano comandanti dell’esercito. “Erano loro che si prendevano cura degli interessi dell’Impero Romano in avamposti remoti come Berenike”, ha detto Osypińska a Newsweek . “Sappiamo che in una delle lettere ci sono domande sui prezzi di vari beni. Berenike [era] un porto intercontinentale, che collegava l’India, l’Africa orientale, l’Egitto, l’Arabia. Attraverso di esso scorrevano i tesori di tutto il mondo di quel tempo. ” Gli archeologi ritengono che le lettere provenissero probabilmente dall’ufficio o dalla residenza di un centurione che doveva essere situato vicino al cimitero degli animali. Inizialmente, i ricercatori identificarono solo frammenti di papiro. Ma in seguito il team è riuscito a mettere insieme i frammenti, consentendone lo studio. Quando Berenike fu fondata da Tolomeo II Filadelfo, servì principalmente come fortezza militare, mentre il porto giocava un ruolo meno importante. Ma secondo Osypińska sia la fortezza che il porto sembrano essere già in declino dopo circa 100 anni. Ciò è stato molto probabilmente una conseguenza della desertificazione e dell’abbattimento di tutti gli alberi della zona per far posto ai progetti di costruzione.

“Non sappiamo cosa trovarono lì i romani dopo l’annessione dell’Egitto, ma probabilmente non molto, tranne un’eccellente laguna, perfetta per un porto”, ha detto Osypińska. Successivamente i romani ampliarono Berenice e svilupparono un porto “intercontinentale”, attraverso il quale venivano importate merci da tutto il mondo antico, compresi animali esotici come le scimmie. “Gli abitanti erano soprattutto romani, ma probabilmente all’epoca arrivavano anche persone da tutto il mondo. Tutti quelli che volevano guadagnarsi da vivere con beni esclusivi, una specie di antica Shanghai, Amburgo o Los Angeles”, dice Osypińska. Uno degli aspetti più intriganti dell’antica Berenike è il suo cimitero di animali dove i suoi abitanti seppellivano i loro animali domestici. Ad oggi, i ricercatori hanno documentato più di 700 sepolture nel sito, tra cui gatti, cani di varie razze e scimmie. Gli animali del cimitero sembrano essere stati sepolti con “rispetto e cura”, mentre non sembra esserci alcuna prova che qualcuno sia stato ucciso deliberatamente, secondo Osypińska, la cui squadra sta conducendo ricerche sul sito. Invece, i ricercatori hanno trovato prove di persone che si prendevano cura degli animali – anche quelli malati e anziani – e li seppellivano in modo simile a quello umano quando morivano. In alcuni casi, gli animali venivano sepolti insieme a giocattoli, collari, collane di perline e altri oggetti.

L’articolo Antichi papiri rivelano nuove informazioni sul mondo degli antichi romani sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top