Antichi mattoni testimoniano anomalia nel campo magnetico terrestre

Secondo un nuovo studio che ha coinvolto ricercatori dell’University College di Londra, gli antichi mattoni della Mesopotamia rivelano i dettagli di un curioso rafforzamento del campo magnetico terrestre.

Nel corso di un periodo di 500 anni, iniziato poco più di 3.000 anni fa, tracce di questa forza sconcertante sono state scoperte dalla Cina all’Oceano Atlantico, e risaltano tanto più quanto più si avvicinano a quello che oggi è l’Iraq. Fino ad ora, tuttavia, le prove provenienti dalla regione stessa sono state scarse e poco datate. La ricerca, che è stata pubblicata lunedì negli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze , si basa su tecniche archeomagnetiche, che comportano l’estrazione di informazioni sulla forza e la direzione del campo magnetico terrestre da oggetti antichi. Per testare la forza del campo, i ricercatori hanno utilizzato antichi mattoni contenenti ossido di ferro provenienti dalla Mesopotamia, che comprende parti del moderno Iraq. Sono stati in grado di ottenere un rapporto tra la carica magnetica dell’oggetto in condizioni di laboratorio e in passato rimuovendo metodicamente l’antica firma magnetica da piccoli frammenti dei mattoni attraverso il riscaldamento e il raffreddamento, riscaldando nuovamente i mattoni e sostituendo il campo magnetico con uno creato in il laboratorio. Ciò ha detto ai ricercatori che questi mattoni furono sparati in un momento in cui il campo magnetico della Terra era più di una volta e mezza quello che è oggi, durante un periodo noto come anomalia geomagnetica dell’età del ferro levantina. Il professor Mark Altaweel dell’University College di Londra sta studiando l’eccezionale forza del campo magnetico in Medio Oriente circa 3.000 anni fa, nota come anomalia geomagnetica dell’età del ferro levantina. “Spesso dipendiamo da metodi di datazione come le date al radiocarbonio per avere un senso della cronologia nell’antica Mesopotamia. Tuttavia, alcuni dei resti culturali più comuni, come i mattoni e la ceramica, in genere non possono essere facilmente datati perché non contengono materiale organico”, ha affermato Altaweel in una nota.

Antichi mattoni testimoniano anomalia nel campo magnetico terrestre

Tuttavia, Altaweel e colleghi hanno individuato 32 mattoni di argilla mesopotamici, ciascuno con inciso il nome di uno dei 12 re, presumibilmente il sovrano dell’epoca in cui furono realizzati. Questi mattoni includono anche grani di ossido di ferro che mantengono la direzione e la forza del campo magnetico in cui si trovavano quando sono stati cotti. A seconda della durata del regno di un re e di quanto bene ne conosciamo i tempi, le iscrizioni possono essere una documentazione molto più precisa della datazione al carbonio, che presenta incertezze di decenni o secoli. Il magnetismo dei grani è stato misurato scheggiando frammenti del peso di 2 grammi (0,07 once) dai mattoni che sono stati poi testati con un magnetometro. I risultati confermano che nell’area il campo era quasi il doppio di quanto lo fosse stato mille anni prima. Abbastanza opportunamente, il cambiamento più grande riscontrato da Altaweel e colleghi avvenne durante il regno di un re il cui nome rimane familiare. Durante il regno di Nabucodonosor II dal 604 al 562 a.C., il campo magnetico terrestre sembrò cambiare radicalmente in un periodo di tempo relativamente breve, aggiungendo prova all’ipotesi che rapidi picchi di intensità siano possibili. Il lavoro si è rivelato più immediatamente vantaggioso per gli storici. Esistono registrazioni dettagliate dell’ordine dei 12 re e della durata dei loro regni, ma il dibattito continua su quando iniziò e finì la sequenza. Il team ha fornito supporto per una delle linee temporali concorrenti proposte dagli storici, nota come Low Chronology, confrontando i campi registrati nei mattoni con quelli misurati utilizzando altri metodi. Questa tecnica non è preziosa solo per gli archeologi: potrebbe anche essere un vantaggio per i geologi che cercano disperatamente di comprendere i cambiamenti del campo magnetico della Terra. Queste tecniche consentono agli scienziati di tornare indietro nel tempo fino a prima che iniziassero a effettuare misurazioni dirette del campo magnetico. Tali anomalie non appartengono al passato. Si ritiene che l’Anomalia del Sud Atlantico (SAA) abbia milioni di anni, ma esiste ancora oggi. In assenza di un metodo di datazione comparabile, gli scienziati hanno monitorato i cambiamenti nella forza del SAA 800-500 anni fa misurando la cenere delle capanne bruciate nella zona in quel momento.

L’articolo Antichi mattoni testimoniano anomalia nel campo magnetico terrestre sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top