Antichi abitanti dell’Amazzonia colombiana: una storia di 13.000 anni fa

Antichi abitanti dell’Amazzonia colombiana: una storia di 13.000 anni fa
Le opere d’arte contengono rappresentazioni di giganti dell’era glaciale come i mastodonti. (ULTIMAVIAGGIO)

Una nuova analisi delle attività umane in due siti preistorici dell’Amazzonia colombiana ha rivelato che le persone erano ben radicate nella regione intorno a 13.000 anni fa. Studiando gli strati di suolo, i ricercatori sono stati in grado di ricostruire la storia a lungo termine di entrambi i insediamenti, indicando che gli antichi abitanti iniziarono a produrre arte rupestre più di 10.000 anni fa e iniziarono a praticare l’agricoltura circa otto millenni dopo.

“Il ‘popolamento’ del Sud America rappresenta una delle grandi migrazioni della storia umana – ma la loro arrivata nel bioma amazzonico è stata poco compresa”, ha spiegato l’autore dello studio Mark Robinson in una dichiarazione. “Le nostre recenti scavi, tuttavia, contribuiscono a colmare questa lacuna, non solo datando la loro arrivata a molto prima di quanto precedentemente compreso, ma fornendo anche nuove intuizioni sulle loro vite e traiettorie storiche durante l’Olocene.”

Scoperti per la prima volta da Robinson e dal suo team durante il lavoro sul campo condotto nel 2017 e 2018, i due ripari sotto roccia fanno parte di una serie di insediamenti nella regione della Serranía La Lindosa, ai margini dell’Amazzonia. È qui che i ricercatori hanno trovato una delle più grandi collezioni di arte rupestre preistorica al mondo, che copre un tratto di 13 chilometri di parete rocciosa.

Dipinte in ocra rossa, le antiche opere d’arte raffigurano alcuni dei megafauna ormai estinti che abitavano la regione durante l’Età del Ghiaccio, tra cui mastodonti e bradipi giganti. Tuttavia, fino ad ora, si sapeva poco su cosa accadesse sul sito durante i migliaia di anni in cui è stato utilizzato.

Dopo aver studiato la distribuzione di utensili in pietra, carbone, e rifiuti alimentari in diversi strati di suolo, i ricercatori sono stati in grado di identificare quattro fasi di attività. La prima di queste corrisponde al tardo Pleistocene e all’inizio dell’Olocene, da circa 12.600 a 10.000 anni fa.

Le prove della macinazione dell’ocra rossa possono essere trovate in questi strati, suggerendo che la pratica di dipingere le pareti è iniziata con i primi abitanti della Serranía La Lindosa. “Tutti i ripari sotto roccia mostrano dipinti di ocra fin dalle prime occupazioni, indicando che quei pionieri stavano anche registrando e dando un senso a questo nuovo mondo che avevano incontrato”, ha spiegato l’autore dello studio Dr. Jo Osborne.

Nel loro scritto, i ricercatori affermano che questi dipinti primordiali “potrebbero ben registrare le origini di una cosmovisione amazzonica e un modo di vedere e vivere nel mondo.” Sulla base dei resti animali presenti sul sito, gli autori sono stati anche in grado di discernere che i primi occupanti mangiavano pesci piranha, capibara, serpenti, coccodrilli, caimani e tartarughe, tra le altre specie.

Le fasi successive di occupazione sono state datate all’Olocene iniziale e medio (9.500-5.900 anni fa), all’Olocene tardo iniziale (4.100-3.700 anni fa) e all’Olocene tardo (3.000-300 anni fa). Solo durante questa fase finale gli autori dello studio hanno identificato la presenza della Terra Nera Amazzonica, un tipo di suolo super-ricco coltivato dagli antichi agricoltori in tutta la regione amazzonica.

Interessantemente, i ripari sotto roccia sembrano essere stati abbandonati per migliaia di anni durante l’Olocene medio, tra circa 6.000 e 4.000 anni fa. “Il motivo di questo abbandono è attualmente poco chiaro”, scrivono gli autori, che spiegano anche che abbandoni simili sono noti in altri siti amazzonici durante questo periodo.

Riassumendo le scoperte del team, l’autore dello studio José Iriarte ha dichiarato che “i risultati stabiliscono fermamente che l’occupazione umana della Serranía La Lindosa è iniziata nel tardo Pleistocene, circa 12.600 anni fa, e è continuata fino al XVII secolo.”

“Il numero eccezionale di ripari sotto roccia trovati nella regione con prove di abitazioni umane suggerisce che questa area fosse un paesaggio attraente per gruppi di cacciatori-raccoglitori, dove potevano accedere a foreste tropicali dominate da palme, savane e risorse fluviali”, ha aggiunto.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Recensioni di Scienze Quaternarie.

L’articolo Antichi abitanti dell’Amazzonia colombiana: una storia di 13.000 anni fa sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top