A volte si verificano inquietanti cambiamenti della personalità dopo i trapianti di organi

L’idea che il cuore contenga l’essenza stessa di una persona potrebbe essere più di un semplice concetto spirituale. Sin dai primi trapianti di cuore umano nel 1967 , i pazienti hanno riferito, spesso con riluttanza , alcuni cambiamenti inquietanti e inspiegabili nella loro personalità.

Dopo l’intervento chirurgico, alcuni affermano di sentirsi meno se stessi e più simili al donatore. Ad esempio, negli anni ’90 un paziente sottoposto a trapianto riferì di aver improvvisamente sviluppato un amore per la musica dopo aver ricevuto il cuore di un giovane musicista. “Non avrei mai potuto suonare prima, ma dopo il mio trapianto ho iniziato ad amare la musica. L’ho sentito nel mio cuore”, ha detto agli scienziati in un articolo pubblicato nel 2000. Altri destinatari di trapianti affermano di aver sviluppato nuovi gusti per il cibo, l’arte, dopo l’intervento. Alcuni addirittura affermano di avere impiantati nuovi “ricordi”. Prendiamo il caso anonimo di un professore universitario di 56 anni, che ha ricevuto il cuore di un agente di polizia ucciso da un colpo di pistola al volto. Alcune settimane dopo il trapianto, il ricevente ha detto di aver sognato “un lampo di luce proprio in faccia… Poco prima di quel momento, avrei potuto intravedere Gesù”. “Carl è morto esattamente così”, ha detto ai ricercatori la moglie del donatore . Ha detto che il principale sospettato assomiglia “ad alcune delle immagini di Gesù”. Aneddoti così controversi rasentano l’incredibile, ma un nuovo studio dell’Università del Colorado (CU) suggerisce che non sono solo i trapianti di cuore a innescare cambiamenti così fondamentali nella personalità. Se questi sintomi possono essere direttamente collegati ai trapianti di organi, forse ciò significa che il nostro “senso di sé” è contenuto in ogni cellula del nostro corpo, non solo in uno o due organi. Un sondaggio online tra 23 riceventi di cuore e 24 riceventi di altri organi ha rilevato che quasi il 90% ha sperimentato cambiamenti di personalità dopo l’intervento di trapianto, indipendentemente dall’organo ricevuto. La maggior parte dei pazienti coinvolti nello studio ha affermato di aver sperimentato quattro o più cambiamenti di personalità, e la maggior parte di questi cambiamenti aveva a che fare con il temperamento, le emozioni, il cibo, l’identità, le credenze religiose/spirituali o i ricordi. Sebbene lo studio sia troppo piccolo per essere statisticamente significativo , il ricercatore medico Brian Carter e i suoi colleghi della CU concludono che “i riceventi di trapianto di cuore potrebbero non essere gli unici nella loro esperienza di cambiamenti di personalità dopo il trapianto”. Invece, sostengono , “tali cambiamenti possono verificarsi in seguito al trapianto di qualsiasi organo”, e ciò richiede ulteriori ricerche. Lo studio della CU è uno dei primi a quantificare i cambiamenti di personalità che si verificano dopo un’ampia varietà di trapianti di organi. Gli studi precedenti tendevano a concentrarsi sui trapianti di cuore, poiché si ritiene che questi aneddoti siano i più estremi e di lunga durata.

A volte si verificano inquietanti cambiamenti della personalità dopo i trapianti di organi

Nel caso di trapianti di fegato o rene, i pazienti negli studi precedenti tendono a riferire cambiamenti nei sentimenti di stress, ansia, depressione o altri problemi di salute mentale. Alcuni ricercatori hanno spiegato queste differenze sostenendo che esiste un “ piccolo cervello nel cuore ”. Queste potenziali spiegazioni, tuttavia, non prendono in considerazione organi trapiantati diversi dal cuore. In questi casi, forse i farmaci immunosoppressori sono responsabili dei cambiamenti della personalità. O forse i “ricordi” di una persona sono immagazzinati in tutto il corpo, non solo in alcuni organi cruciali. L’”ipotesi della memoria sistemica” prevede che tutte le cellule viventi possiedano “memoria” e che un ricevente possa percepire la storia di un donatore attraverso i suoi tessuti. Anche se le connessioni nervose di un organo trapiantato vengono interrotte, i nervi possono ancora funzionare all’interno dell’organo. Alcune prove suggeriscono che le connessioni nervose potrebbero essere parzialmente ripristinate un anno dopo l’intervento di trapianto. Le interazioni dei neurotrasmettitori basate sui ricordi del donatore potrebbero quindi causare una risposta fisiologica al sistema nervoso del ricevente che incide sulla sua personalità. Gli scienziati hanno scoperto che le cellule dei donatori circolavano nei riceventi anche due anni dopo un trapianto . Dove vanno quelle cellule e cosa succede al loro DNA non è chiaro. Il DNA, una volta fuoriuscito dalle cellule, sembra innescare l’infiammazione , ed è stato dimostrato che un’infiammazione cronica di basso grado altera i tratti della personalità . Se i cambiamenti della personalità sono davvero così comuni e diffusi come suggerisce il piccolo studio della CU, allora sono disperatamente necessarie ulteriori ricerche. Nel 2022 sono stati effettuati più di 150.000 trapianti di organi in tutto il mondo.

L’articolo A volte si verificano inquietanti cambiamenti della personalità dopo i trapianti di organi sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top